Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:53 METEO:FIRENZE15°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 07 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Civili torturati, trincee, bunker e mitragliatrici come nel 1915: viaggio nella prima linea ucraina dopo Kherson lungo il fiume Dnipro

Attualità mercoledì 21 settembre 2022 ore 16:55

Toscani pronti a tagliare sul riscaldamento

termosifone

L'impennata dei costi energetici spingerà il 77% delle famiglie a ridurre accensione e temperatura dei termosifoni. I rincari provincia per provincia



FIRENZE — Il 77% dei toscani si dice pronto a ridurre la temperatura e le ore di accensione del riscaldamento domestico nel tentativo di tagliare le bollette: è quanto risulta da un sondaggio condotto online da Coldiretti Toscana tramite il suo sito ufficiale in vista di un inverno di crucci dal punto di vista energetico.

Se il 13% di coloro che hanno risposto si dichiara non è intenzionato a rivedere i suoi comportamenti, il 10% si mostra attendista e prima di scegliere prende ancora tempo per valutare i rincari innescati dall’evolversi del conflitto in Ucraina e dalla minaccia del taglio delle forniture da parte della Russia. Il 77% però, la stragrande maggioranza, non ha dubbi: farà tutto quanto potrà per risparmiare.

Ma qual è il punto sui rincari di luce e gas, oltre agli altri combustibili, in Toscana? Beh, nelle varie province si procede in ordine sparso.

In generale in Toscana i prezzi energetici sono schizzati su dell’83,7%, rispetto al 62,4% di un mese prima. L'incremento è ben al di sopra della media nazionale (76,4%) secondo l’Istat e riguarda il 97,2% delle famiglie che vivono in un’abitazione con riscaldamento. Tutte le province toscane mostrano rincari oltre la media italiana. 

Dove i prezzi sono cresciuti di più è nelle province di Massa Carrara +84,6%, Lucca +84,5% e Grosseto, mentre in fondo alla classifica - passando per Firenze all'83,8% - ci sono Arezzo (83,5%), Pisa (83,2%) e Siena (83,1%). Tutte come si vede con percentuali oltre la media italiana.

Allarme agriturismi

Intanto è allarme negli agriturismi di cui la Toscana è ricca. Le bollette delle circa 5.400 strutture sono raddoppiante se non addirittura triplicate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. 

Una struttura su tre, circa 1.500 imprese quindi, secondo un monitoraggio di Terranostra Coldiretti Toscana, sta valutando di anticipare la chiusura stagionale per evitare la stangata, per poi riaprire per le festività di Natale e Capodanno se non a primavera prossima primavera. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il conducente, 37 anni, ha riportato un brutto trauma cranico ed è stato soccorso in codice rosso per poi essere trasportato d'urgenza in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità