Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE16°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 03 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dentro Bakhmut deserta, tra colpi di artiglieria e carri armati. Qui il centro della battaglia per il Donbass

Cronaca sabato 18 aprile 2020 ore 17:10

SS.Annunziata, positivi 8 medici e 20 infermieri

Nell'ospedale di Ponte a Niccheri chiuso il reparto Covid di Medicina D. Ausl Toscana centro: "Sono tutti asintomatici"



BAGNO A RIPOLI — Da Ausl Toscana centro hanno reso noto che i risultati dei tamponi hanno rilevato 28 positività, di cui 20 infermieri (18 dei reparti di medicina) e 8 medici nell'ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri.

Dall'azienda sanitaria hanno detto che non c'è stata "nessuna criticità" a seguito "dello screening avviato al personale sanitario presso il presidio ospedaliero di Ponte a Niccheri nelle giornate di mercoledì 15 e giovedì 16 aprile".

I positivi sono asintomatici e un reparto è stato chiuso: "Il personale sanitario non presenta sintomi e da subito sono state applicate le adeguate procedure previste per l’isolamento. A seguito della positività riscontrata in alcuni operatori in servizio nel reparto medicina D Covid, l’azienda sanitaria ha ritenuto opportuno chiuderlo temporaneamente al fine di garantire la sanificazione ed il completamento del reintegro del personale".

Da Asl hanno specificato che non c'è stata "nessuna interruzione di assistenza per i pazienti ricoverati. L’attività infatti prosegue regolarmente nei reparti di medicina A,B,C e di malattie infettive, dove attualmente sono disponibili 65 posti letto. Inoltre grazie alle dimissioni a domicilio o negli alberghi sanitari, avviate in questi giorni, di pazienti clinicamente guariti e al trasferimento di altri in fase di remissione in strutture di low care della rete aziendale, l’OSMA è in grado di accogliere nuovi pazienti".

L’ospedale di Santa Maria Annunziata è diventato l’ospedale più sicuro ed efficiente dell’azienda sanitaria - ha detto il dottor Pietro Dattolo, direttore nefrologia Osma - Infatti grazie all’esecuzione dei tamponi abbiamo potuto isolare i positivi e ora curiamo le persone con sicurezza. Nei fatti, 50 positivi su quasi 1000 dipendenti è quanto ci aspettiamo di trovare in ogni ospedale. Non siamo in sofferenza e stiamo dando risposte concrete e corrette”. Specifichiamo che i positivi nell'ospedale di Ponte a Niccheri sono 28. Da Ausl hanno chiarito che la dichiarazione di Dattolo dei 50 positivi è un'ipotesi statistica riferita "al fatto che una cinquantina di positivi è un dato perfettamente compatibile con il dato generale riscontrato nella Asl".

E’ inoltre in corso da questa mattina e proseguirà per tutta la giornata di oggi e domani, la sanificazione dei locali della Chirurgia d’urgenza dell’ospedale Santa Maria Annunziata. Questa mattina i pazienti sono stati temporaneamente trasferiti al primo piano nel reparto di Psichiatria che per questi due giorni diventa a tutti gli effetti reparto di chirurgia. I pazienti psichiatrici erano già stati trasferiti a Villa I Pini.

Dopo la Chirurgia d’urgenza, la direzione sanitaria di presidio ha in programma di sanificare nei prossimi giorni tutte le aree che saranno individuate come a rischio.

Attualmente è in corso un’inchiesta epidemiologica da parte della direzione sanitaria dell’ospedale che avrà cura anche nei prossimi giorni di monitorare costantemente tutti gli operatori sanitari.

Intanto questa mattina è stato attivato con orario aggiuntivo a quello settimanale, l’ambulatorio Covid per sottoporre a tampone gli operatori che nei giorni scorsi sono stati a contatto stretto con i dipendenti risultati poi positivi.

L’ambulatorio Covid è attivo al Santa Maria Annunziata da circa un mese ed è stato uno dei primi ad attivare la sorveglianza sugli operatori. Al momento è ubicato nella palazzina del Poliambulatorio ma la direzione sta valutando una revisione degli spazi dedicati ed ha in programma una riorganizzazione della parte logistica.

Proseguono in questi giorni per potersi concludere rapidamente i lavori al nuovo Dea dell’ospedale Santa Maria Annunziata. Gli interventi erano stati temporaneamente sospesi l’11 marzo scorso su richiesta dell’impresa che per indisponibilità dei dispositivi di protezione individuale, non riusciva a rispettare le disposizioni per la sicurezza. Ripresi il 30 marzo scorso, i lavori sono proseguiti limitatamente a quanto è stato possibile fare per la mancanza sistematica di tutte le subforniture per le chiusure delle ditte dell'intero nord Italia. Dai prossimi giorni verranno riavviati completamente. Ovviamente la produttività è ridotta sia dalla perdurante incertezza delle forniture che dalle disposizioni di sicurezza che devono essere pedissequamente seguite.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'hanno trovato nella notte accasciato su una panchina. Sul posto carabinieri e soccorritori del 118. E' stato intubato, poi la corsa in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Cronaca

Attualità

Cronaca