Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità venerdì 04 settembre 2015 ore 15:43

I robot fanno a gara a chi salva più vite

Dal 17 al 25 settembre Piombino ospiterà Eurathlon 2015, una competizione tra droni alle prese con il disastro di Fukushima. L'Italia schiera BatiGol



FIRENZE — Individuare i corpi dei superstiti e recuperarli, scovare le perdite di sostanze radioattive, mettere in sicurezza la centrale termonucleare e limitare gli effetti degli sversamenti sull'ambiente circostante.

Sono solo alcuni dei compiti che dovranno assolvere i 40 robot che parteciperanno alla prossima edizione di Eurathlon, la competizione robotica internazionale che vedrà misurarsi 150 scienziati provenienti da 21 paesi di tutto il mondo e riuniti in 18 squadre.

Tutto questo nella splendida cornice della città di Piombino, dove verranno ricreate alcune delle condizioni che si sono ritrovati davanti agli occhi i soccorritori intervenuti nel 2011 a Fukushima, quando uno tsunami ha danneggiato una centrale nucleare in Giappone.  

Eurathlon è un progetto finanziato dalla Commissione Europea, ma è soprattutto un'occasione unica per toccare con mano i progressi fatti negli ultimi anni nel campo della robotica applicata, in questo caso alle emergenze.

L'Italia parteciperà alla competizione con un team guidato dall'Università di Firenze che schiererà un drone sottomarino, Filippo, e uno aereo Batigol, utile per riprodurre mappe in 2D delle zone colpite dalle calamità.  Progetti entrambi finanziati dalla Regione Toscana, così come PoseiDrone, un polpo robot capace di esplorare i fondali anche nelle zone più angustie.

"La sinergia tra università e istituzioni - ha detto la vicepresidente della Regione, Monica Barni - è fondamentale sia per aiutare i giovani ricercatori a dare uno sbocco pratico alle loro ricerche. Sia per dare applicazioni le più ampie possibili a questi robot, che sarebbero utilissimi ad esempio per la ricerca archeologica ad esempio sottomarina".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il terribile incidente è avvenuto tra un'auto e una bicicletta. I medici hanno tentato di rianimare la donna ma per lei non c'è stato niente da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS