Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE24°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Unione europea, perché l'unanimità non funziona: la strategia del ricatto

Lavoro giovedì 13 marzo 2014 ore 12:14

Lucchini, la speranza si riaccende

Incontro a Roma fra sindacati e il viceministro De Vincenti sulle 9 offerte per l'acquisizione del gruppo. Riflettori puntati sull'altoforno



PIOMBINO — De Vincenti ha confermato alle organizzazioni sindacali che otto delle nove proposte sono incomplete e che ha concesso una settimana di tempo per la presentazione delle integrazioni (il termine è il 20 marzo). Poi cominceranno le procedure di verifica con l'obbligo di presentare l'offerta vincolante entro e non oltre il 30 aprile.
Nel pomeriggio il commissario straordinario per la Lucchini Piero Nardi scioglierà le riserve sulla possibilità di acquistare le materie prime necessarie a mantenere in funzione l'altoforno per un altro mese, come richiesto con insistenza dai rappresentanti dei lavoratori.
Delle nove offerte arrivate per la Lucchini solo una era corredata da documentazione completa, due riguardano solo il sito di Lecco, due solo le cokerie e cinque il gruppo nel suo complesso. Di queste ultime, quattro sono incentrate sui laminatoi e i servizi logistici pur senza escludere piani di sviluppo che comprendano il forno elettrico e corex (procedimento per produrre la ghisa liquida).
''Il 20 marzo le carte saranno scoperte e saranno piu' chiare sia le offerte reali che le responsabilità dei ritardi - hanno commentato il segretario nazionale della Fim Marco Bentivogli con il coordinatore nazionale Fausto Fagioli.
''Siamo in una fase ancora embrionale - ha dichiarato invece il segretario nazionale della Uilm Mario Ghini - Abbiamo chiesto al governo, al di là delle procedure, di garantire l'occupazione e non dimenticarsi il sito di Trieste''. Le offerte infatti riguardano solo gli impianti di Piombino e di Lecco.
''Scongiurato lo scenario peggiore di ritrovarsi senza offerte - hanno detto il segretario nazionale Fiom Cgil Rosario Rappa con il repsonsabile della siderurgia Gianni Venturi - si tratta di valutare con attenzione la fase che si aprirà al termine della proroga per la presentazione delle integrazioni''.
Sugli ultimi sviluppi della vicenda è intervenuto il il segretario PD Val di Cornia-Elba Valerio Fabiani, sottolineando che parte delle proposte avanzate dal partto, dalla Regione e dagli enti locali sono state accolte. ''L’ufficialità delle offerte presentate ci dà speranza ed energia per proseguire sulla strada che insieme al Governo, alla Regione, alla Provincia ed al Comune abbiamo intrapreso - ha detto Fabiani - Adesso però non si perda altro tempo per la sottoscrizione dell'accordo di programma che definisce e concretizza quel progetto di riconversione ecologica ed industriale del territorio da cui dipende una parte importante del nostro futuro”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Arrivano i temporali ma resta l'allerta per le alte temperature. Forti piogge e raffiche di vento sul nord-ovest e sulle coste centro meridionali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca