Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE24°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip

Sport mercoledì 08 maggio 2024 ore 07:00

Arriva il Giro, la Toscana si tinge di rosa

L’edizione numero 107 del Giro d’Italia arriva oggi in Toscana e più in particolare torna a Lucca. I corridori oggi partiranno da Genova



LUCCA — La corsa rosa, dopo 39 anni fa tappa a Lucca, nell’anno del centenario della morte di Giacomo Puccini, estimatore della bicicletta tanto che nel lontano 1893 scelse con cura ed acquisto una bicicletta di marca Humbert.

In verità Giacomo Puccini comprò un “bicicletto”, così lui chiamava quel mezzo meccanico allora considerato avveniristico, e così scriveva ad un amico: “T’avverto che ho preso un bicicletto! Ma pagabile a rate mensili. Verrà da te l’amministratore della ditta A. Schlegel, Foro Bonaparte 36, e tu gli pagherai mio conto Lire 70 come prima rata e gli altri mesi Lire 50, salvo poi sal­darlo completamente alla mia venuta a Milano in ottobre”.

Giacomo Puccini attese la consegna del “bicicletto” con impazienza e non molto tempo dopo le due ruote divennero per lui un vero e proprio sport.

Il compositore infatti partecipò con onore anche a gare ciclistiche e sull’Eco della Valdinievole del 29 giugno 1895 ad esempio si legge: “Martedì 25 l’Unione Ciclistica Valdinievole, ebbe l’onore di ospitare Giacomo Puccini, il fortunato autore della Manon Lescaut. Tipo forte e simpatico d’uomo, egli è un appassionato cacciatore e valente ciclista. La nostra Unione oggi ha il vanto e la fortuna di averlo Presidente Onorario. Badate però, che come nel campo della musica, anche nel ciclismo egli semina molti per la strada. Vidi pur troppo l’altro giorno come ridusse i suoi compagni di viaggio. Sembravano, con rispetto parlando, tanti peperoni”.

La tappa di oggi, da Genova a Lucca per 178 chilometri, è dedicata proprio al Maestro che fece di Torre del Lago la sua dimora così come sarà dedicata a Giacomo Puccini anche la partenza di domani da Viareggio alla volta di Rapolano Terme, 180 chilometri di strade insidiose.

Per giungere a Lucca da Genova, dove lo sloveno Tadej Pogacar si presenterà alla partenza in Maglia Rosa con un vantaggio di 46 secondi sul gallese Thomas Geraint, i ciclisti arriveranno da Pietrasanta sulla statale 439, per poi prendere la provinciale 1 a Capezzano Pianore.

Camaiore sarà poi la sede di un traguardo volante da dove i corridori saliranno sul Montemagno, seconda asperità di giornata dopo il Monte Bracco in provincia della Spezia, GPM Gran Premio della Montagna di quarta categoria.

Ancora sulla via per Camaiore i ciclisti entreranno quindi nel territorio di Pescaglia passando per San Martino in Freddana per arrivare poi a Monte San Quirico.

Infine gli ultimi chilometri di tappa, che si prospetta adatta ai velocisti, con il friulano Jonathan Milan pronto a bissare il successo ottenuto ieri nella terza tappa da Acqui Terme-Andora.

L’arrivo è previsto tra le 17 e le 17,30 in Viale Carducci, al cospetto delle mura.

Tra le iniziative previste per festeggiare l’arrivo del Giro d’Italia a Lucca vale la pena di ricordare quella promossa da Lucca Comics & Games e dall’Amministrazione Comunale.

Gino Bartali, Fausto Coppi, Marco Pantani, Eddy Merckx e Tadej Pogacar sono alcuni dei campioni del ciclismo ritratti ed interpretati dal Karl Kopinski, artista inglese ospitato fino al 12 maggio nella Chiesa di San Fraceschetto, autore della mostra “Wearing The Pink”, visitabile gratuitamente.

Sempre dal talento di Karl Kopinski sono nate anche dodici biglie giganti con i ritratti dei campioni del ciclismo, sfere trasparenti e colorate, che evocano i giochi che tutti noi abbiamo fatto sulla spiaggia.

Le installazioni, alte fino a sei metri, sono collocate a San Michele, San Francesco, Piazzale Verdi e di fronte al Caffè Le Mura.

E allora bentornato Giro, era davvero l’ora, da quella volta che nel 1985 Francesco Moser vinse la tappa a cronometro partita dal Lido di Camaiore senza però sfilare la Maglia Rosa dalle spalle del campione francese Bernard Hinault.

Marco Burchi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno