Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:58 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Lavoro mercoledì 26 ottobre 2022 ore 18:20

Licenziamenti ritirati, la Manifattura del Casentino è salva

Il gruppo Bellandi di Prato ha acquisito lo stabilimento di Soci dove si produce lo storico panno. Fabiani: "Finalmente si apre una fase nuova"



BIBBIENA — L'annosa vertenza della Manifattura del Casentino, produttrice dello storico panno famoso in tutto il mondo, si è chiusa nel migliore dei modi. Il gruppo Bellandi di Prato ha acquisito l'immobile di Soci in cui ha sede lo stabilimento e oggi, nel corso di un tavolo tecnico convocato dal Valerio Fabiani, consigliere per il lavoro del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il curatore fallimentare ha annunciato il ritiro della procedura di licenziamento collettivo.

È il segnale che attendeva la Regione, che ha messo al lavoro le strutture di Arti e l'unità di crisi per sbloccare una situazione che durava dal 2018 e che ha messo a rischio non solo i posti di lavoro dei 18 dipendenti della Manifattura ma anche quelli di un centinaio di lavoratori dell'indotto. 

Fabiani ha voluto ringraziare tutti i protagonisti della vertenza. "In poche settimane è stata risolta una situazione che durava da anni. Si apre una fase nuova: abbiamo conseguito l'obiettivo di dare un casa al panno del Casentino, salvaguardato la totale occupazione e ottenuto il ritiro della procedura di licenziamento. Siamo pronti fin da domani a guardare al futuro mettendo in campo tutti gli strumenti della Regione in un protocollo d'intesa per lo sviluppo dell'azienda, dell'indotto e del territorio". 

Dalla Cgil è arrivata la proposta di un'iniziativa per creare una filiera del panno che unisca una tradizione centenaria alla difesa dei posti di lavoro dentro una logica di sostenibilità. "Vogliamo rendere sostenibile la produzione con servizi accentrati; pensiamo ad una rete d'impresa che raccolga tutte le aziende che entrano in questa produzione e a una comunità energetica a tutela di lavoro e produzione" ha spiegato Alessandro Tracchi, segretario generale provinciale della Cgil di Arezzo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Toscani in TV

Cronaca

Attualità