Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 08 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Blanco distrugge i fiori di Sanremo e il pubblico fischia

Attualità venerdì 18 settembre 2015 ore 14:25

Niente gemellaggio con chi costruisce muri

Paolo Omoboni, sindaco di Borgo, ha scritto una lettera al primo cittadino del comune ungherese Varpalota: "Niente amicizia con chi usa violenza"



BORGO SAN LORENZO — “Non possiamo condividere un rapporto di amicizia con chi appoggia la politica ungherese sui profughi fatta di fili spinati e di violenze". Questo il nodo principale della lettera che Paolo Omoboni ha scritto a Marta Talaber, primo cittadino di Varpalota, città con cui è gemellato il Comune mugellano. 

Omoboni vuole sapere cosa sta succendo in Ungheria e a Varpalota: "Scrivo la presente dopo lunghi giorni in cui ho seguito con animo angosciato la cronaca che ci giunge da quella splendida terra che è l’Ungheria, dalle sue frontiere dove persone disperate cercano aiuto e vedono filo spinato, dove sperano nella salvezza e trovano dolore, dove chiedono sicurezza e si imbattono invece contro un muro fatto di manganelli e fumogeni". 

Il paese di Borgo San Lorenzo è gemellato con la cittadina ungherse dal 2006 ma dopo la presa di posizione dell'Ungheria, sulle politiche dell'immigrazione e le violenze sui migranti, Omoboni mette in discussione il gemellaggio.

"Sono profondamete colpito e amaraggiato - continua lo scritto del sindaco - da quello che apprendiamo giornalmente, tristemente ferito da ciò che vedo, l'Unione Europea è basta sulla condivisione dei diritti e dei doveri, sull'accoglienza e sul reciproco aiuto. Le notizie che giungono non parlano di questi valori, ma di violenza, rifiuto e abbandono. Il gemellaggio tra Borgo e Varpalota è stato creato con l'auspicio che con l'associazionismo e con la cultura di entrambi, i Comuni potessero incrementare con il tempo il reciproco scambio, condividendo valori e obiettivi."

"In questo momento non ti nascondo che temo come proprio i valori che l'Amministrazione e le associazioni di Borgo San Lorenzostanno continuando a perseguire possono essere ben lontani dall'andare nella stessa direzione delle vostre".

Il sindaco ha anche sottolineato l'impegno del tessuto borghigiano nei confronti migranti giunti in Italia e distribuiti sul territorio in modo diffuso che ad oggi sono una settantina.

Poi Omoboni fa una serie di domande al sindaco di Varpalota: "Le immagini che viediamo ogni giorno mi rendono difficile credere che possano essere ancora ideali condivisi ti chiedo cara collega quali soano i tuoi, i vostri, quelli della tua terra. Ti chiedo se come me ti senti lontana e distante, amareggiata e in contrasto col mondo per quanto avviene all frontiera ungherese. Ti chiedo se quei valori che sono alla base dell'Unione Europea sono anche i tuoi, ti domando se rifiuti e condanni quello che sta accadento".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è risultato fatale a un uomo di 39 anni. I soccorritori giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità