Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:50 METEO:FIRENZE24°38°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La music session improvvisata: Bocelli suona il flauto traverso con Will Smith e Ed Sheeran
La music session improvvisata: Bocelli suona il flauto traverso con Will Smith e Ed Sheeran

Attualità sabato 11 marzo 2023 ore 16:00

Nuovo trattamento contro gli inquinanti che alterano la fertilità

Il professor Carlo Foresta
Il professor Carlo Foresta

Sono le ciclodestrine le sostanze in grado di rimuovere dalla membrana degli spermatozoi le sostanze perfluoro alchiliche note come Pfas



PADOVA — Una tecnica innovativa di trattamento degli spermatozoi in grado di eliminare dalla loro membrana le sostanze perfluoro alchiliche note come Pfas causa di infertilità anche tra i più giovani: la scoperta è stata presentata dal professor Carlo Foresta al convegno "Natalità e denatalità: fotografie di sviluppo del Paese" organizzato da Federsanità Anci Veneto presso l'auditorium San Gaetano a Padova.

Nella regione Veneto l'esposizione a Pfas è particolarmente incisiva, ma gli alti livelli di inquinamento diffusi a livello globale hanno portato a stimare oltre 2.000 aree in Europa in cui la loro concentrazione è considerata pericolosa per la salute, con costi sanitari fra i 52 e gli 84 miliardi di euro all’anno.

Tra i principali effetti sulla salute derivanti dall’esposizione ai Pfas c'è proprio la riduzione della fertilità, rilevata proprio dal professor Foresta già in uno studio del 2019 anche in alcuni 18enni che riportavano segnali di alterazione dei parametri seminali. Più recente un altro studio che ha individuato la presenza di Pfas sulla membrana degli spermatozoi.

Ma se da un lato la fecondazione naturale prevede che lo spermatozoo si spogli della membrana al momento della penetrazione nell’ovocita, ciò non avviene nella fertilizzazione in vitro, esponendo la cellula uovo agli effetti di queste sostanze con ripercussioni imponderabili sullo sviluppo embrionale.

Ma è proprio lì che incide il trattamento. Recentemente è stato ipotizzato l’utilizzo di sostanze in grado di rimuovere i Pfas dalle membrane delle cellule, come ad esempio le ciclodestrine: oligosaccaridi ciclici naturali tipicamente utilizzati come eccipienti naturali per veicolare principi attivi nell’organismo. La loro trascurabile tossicità le porta ad un largo impiego nell’industria cosmetica, farmaceutica e alimentare. 

Le ciclodestrine però non solo possono essere usate come vettori per il trasporto di sostanze nell’organismo, ma anche come agenti sequestranti. Grazie a queste caratteristiche sono state studiate anche per la detossificazione naturale di sostanze inquinanti, tra cui anche i Pfas, dimostrandosi efficaci.

Ebbene: in vitro, le ciclodestrine riescono a rimuovere quasi completamente i Pfas dalle membrane di spermatozoi inquinati da queste sostanze: “Questi risultati aprono nuovi scenari di applicazione clinica nell’ambito delle tecniche di fecondazione assistita, soprattutto per le popolazioni residenti nelle aree esposte ad elevato inquinamento da Pfas".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno