Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:32 METEO:FIRENZE15°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
G7 in musica: Bocelli canta 'Nessun dorma', Biden chiude gli occhi, Meloni si scatena nel ballo

Attualità martedì 25 aprile 2023 ore 17:25

Un braccialetto per individuare i distrubi del sonno

dormire

Il dispositivo sviluppato da un docente universitario toscano si chiama Dormi: misura i parametri del riposo proprio mentre il paziente dorme



PISA — Un braccialetto per individuare e diagnosticare i disturbi del sonno: il primo dispositivo indossabile è stato sviluppato da uno scienziato toscano, di preciso dal docente di fisiologia Ugo Faraguna dell'università di Pisa che in buona sostanza ha modificato a scopi medico diagnostici un braccialetto sensorizzato.

Il dispositivo si chiama per l'appunto Dormi, e con lui la salute vien di notte. Sì perché agisce proprio mentre il paziente dorme. Come spiega una nota dell'ateneo pisano, consente il monitoraggio continuo dei disturbi del sonno. Validato dal punto di vista scientifico, è capace di fornire al medico, a distanza, dati clinici attendibili e analizzabili con algoritmi certificati. 

Il salto è quello dalla telesalute fai-da-te alla telemedicina vera e propria, nelle mani di un medico capace di fare diagnosi e impostare terapie in un ambito poco esplorato come quello del sonno.

"Monitorare i disturbi del sonno è difficile, perché richiede (o meglio, richiedeva, fino a ieri) strumenti invasivi e tempo per fare rilievi ripetuti", afferma Faraguna. "Però è cruciale, perché la qualità del sonno influenza la salute ed è uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo di malattie neurodegenerative come demenze e malattia di Parkinson". 

Così, mentre molti hanno imparato a misurarsi la pressione arteriosa e a considerarla buona quanto più vicina ai valori aurei 120/80, sul sonno il braccialetto Dormi punta a superare il gap facendo da holter del buon dormire. 

Il professor Ugo Faraguna

Il professor Ugo Faraguna

Faraguna, un lungo trascorso a Madison a studiare la fisiologia del sonno con Giulio Tononi (tra i massimi esperti mondiali in materia), ha intuito il salto di qualità racchiuso nei dispositivi wearable e ha fondato la startup Sleepacta per sviluppare Dormi.

Il braccialetto studia-sonno si mette al polso e si toglie una settimana dopo. Lui raccoglie una serie di dati come frequenza cardiaca, saturazione arteriosa, posizione, movimento. "Tutti questi parametri alimentano una rete neurale che si avvale degli stessi strumenti di artificial intelligence che stanno invadendo la rete (ChatGPT e analoghi). Queste reti imparano ad analizzare i nostri dati sanitari e generano un referto medicale sull’architettura del nostro sonno, stimando il rischio di avere patologie del sonno come le apnee notturne. Si tratta di una specie di holter del sonno, non invasivo", spiega ancora Faraguna. Assicura anche la privacy, i dati possono essere anonimizzati dal medico autorizzato dal paziente a leggerli a fini diagnostici.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno