Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:35 METEO:FIRENZE23°40°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump alla convention di Milwaukee: «Sono qui davanti a voi per la grazia di Dio»
Trump alla convention di Milwaukee: «Sono qui davanti a voi per la grazia di Dio»

Attualità giovedì 20 giugno 2024 ore 16:24

Complicanze biliari post trapianto, Aoup centro di riferimento toscano

Il riconoscimento arriva con il via libera della giunta regionale. La struttura d'eccellenza è apprezzata a livello internazionale



PISA — Con il via libera arrivato dalla giunta regionale l’endoscopia digestiva dell’Azienda ospedaliero universitaria pisana diventa centro di riferimento regionale di alta specializzazione per il trattamento endoscopico delle complicanze biliari nel paziente sottoposto a trapianto del fegato. 

Ad annunciare il riconoscimento, per mezzo di una nota, è la Regione Toscana.

Un riconoscimento, come spiega l’assessore regionale al diritto alla salute Simone Bezzini, che "Si poggia sugli apprezzamenti nazionali e internazionali che la struttura nel tempo ha riscosso e sulla sua forte integrazione con le strutture di chirurgia epatica e del trapianto del fegato, di radiologia interventistica, di anestesia e di epatologia” e che, come sottolinea il presidente della Regione Eugenio Giani "Collocano di nuovo la qualità dell’offerta sanitaria pubblica toscana a livelli di vertice ed eccellenza non solo italiani”.

Sono 3000 gli interventi eseguiti, dal 1996 ad oggi, dal Centro Trapianti di Fegato di Pisa, numeri che collocano il centro Aoup ai vertici delle classifiche sia nazionali che  internazionali.

L’unità operativa di endoscopia digestiva, diretta dal dottor Emanuele Marciano, rappresenta un riferimento nella gestione del paziente trapiantato di fegato. Qui, negli ultimi cinque anni sono state eseguite più di 500 colangiopancreatografie retrograde endoscopice in pazienti nei quali erano insorti complicanze post trapianto di fegato e più di 1300 endoscopie operative del sistema biliopancreatico. 

"Il pronto ed adeguato intervento endoscopico - spiega una nota della Regione- ha permesso di risolvere importanti problematiche, evitando successivi interventi o trapianti di fegato".

A Pisa si eseguono endoscopie diagnostiche, gastroscopie e colonscopie, in pazienti in attesa di trapianto o in follow up post trapianto, ma anche endoscopie terapeutiche come, ad esempio, per emostasi di sanguinamenti, enteroscopie, studio del tenue con videocapsula e interventi guidati da ecoendoscopia come le gastrienteroanastomosi. Quello di Pisa è inoltre uno dei centri dove è possibile fare gastroscopie e colonscopie robotiche con impegnativa.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno