Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:FIRENZE18°28°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»

Attualità mercoledì 12 aprile 2023 ore 10:10

Il robot contro la neoplasia del colon

chirurgia robotica
Foto d'archivio

Un innovativo intervento di chirurgia robotica addominale è stato effettuato in Toscana. Il paziente dimesso già dopo cinque giorni



PRATO — Decorso post operatorio definito "eccellente" e dimissioni dall'ospedale già cinque giorni dopo l'operazione: è l'esito dell'innovativo intervento di chirurgia robotica addominale effettuato per la prima volta nell'Asl Toscana Centro presso l'ospedale Santo Stefano di Prato.

L’intervento è stato effettuato su un paziente affetto da neoplasia al quale è stato asportato il colon destro. La tecnica, spiega l'azienda sanitaria, permette manovre di massima precisione con visione tridimensionale. La piattaforma è costituita da un carrello paziente dotato di quattro bracci per sostenere gli strumenti, una consolle ed un carrello visione con sistemi di processamento delle immagini.

L'équipe al lavoro in sala operatoria era composta da più chirurghi: il direttore di Chirurgia Generale del Santo Stefano Stefano Cantafio, il direttore facente funzioni della Chirurgia Generale di Empoli Massimo Calistri, il chirurgo dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena ed esperto di tecnica robotica Miranda Egidio, in collaborazione con il team di anestesia e rianimazione e personale infermieristico del blocco operatorio.

Stefano Cantafio e Massimo Calistri

Stefano Cantafio e Massimo Calistri

L’utilizzo della metodica robot-assistita, rispetto all’intervento con tecniche chirurgiche classiche, consente molteplici vantaggi per il paziente: riduzione dei giorni di degenza ospedaliera, del rischio di infezioni e del dolore post operatorio oltre ad una più rapida ripresa delle attività quotidiane.

La nuova sofisticata piattaforma per la chirurgia robotica è stata collocata al Santo Stefano di Prato per un periodo di prova visione a disposizione di tutti i professionisti del Dipartimento Chirurgico Aziendale. E' stato impiegato per interventi urologici e di chirurgia generale, il prossimo step sarà quello degli interventi di otorinolaringoiatria.

“La possibilità di utilizzare la tecnologia robotica anche in chirurgia generale – ha detto il dottor Sandro Giannessi, direttore Area Chirurgica aziendale, a commento dell'intervento salutato con entusiasmo anche dal presidente della Regione Eugenio Giani - rappresenta una grande opportunità per i professionisti e per i cittadini".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno