Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:FIRENZE18°28°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»

Lavoro mercoledì 08 marzo 2023 ore 15:45

Premiate le superdonne della campagna toscana

Barbara Conti premiata da Coldiretti

Barbara Conti, giovane casara di Zeri è tra le superdonne di Coldiretti, simbolo di resilienza al femminile ed esempio per le nuove generazioni



TOSCANA — Sono 12.085 in Toscana le imprese guidate da donne in agricoltura che si posiziona nella top five dei settori con più alto tasso di femminilizzazione della Toscana dopo servizi vari, sanità, istruzione e prima anche dei servizi di alloggio e ristorazione e del commercio.

Coldiretti Toscana lo ha reso noto sui dati della Camera di Commercio di Firenze relativi al 2022 in occasione della festa della donna dell’8 Marzo che vede premiate le donne simbolo di resilienza al femminile che diventa esempio per le nuove generazioni. 

La giovane casara di Zeri Barbara Conti è una delle superdonne di Coldiretti. Mamma di tre figli, titolare dell’azienda “I Trei fantoti”, in località Bergugliara, nella Valle di Zeri, sulle montagne della Lunigiana, Barbara è la più giovane tra le allevatrici della pregiata pecora zerasca e di bovini da  latte. Figlia di pastore, Barbara è rimasta a vivere, lavorare e crescere i figli nella sua Valle assicurando continuità alla tradizione pastorizia in un territorio difficile quanto bello e generoso. E’ lei la superdonna scelta dal Comitato Donne Impresa Coldiretti Massa Carrara che ha ricevuto il riconoscimento floreale assegnato ogni anno ad una imprenditrice agricola, consegnato dal presidente provinciale, Francesca Ferrari.

Quasi una impresa agricola su tre (31,1%) è guidata da donne la cui presenza è cresciuta soprattutto nelle nuove attività di educazione alimentare ed ambientale con le scuole, gli agriasili, le fattorie didattiche, i percorsi rurali, gli orti didattici, ma anche nell’agricoltura di precisione e a basso impatto ambientale e nella ricettività agrituristica fino nella presenza nei mercati di vendita diretta di Campagna Amica. 

E proprio la vendita diretta è una prerogativa tutta al femminile in Toscana dove più di una impresa agricola su tre (34%) che anima i mercati degli agricoltori presenti in borghi e piazze di tutta la regione o che vende direttamente in fattoria vede una donna al vertice. Percentuale che sale notevolmente, fino al 90%, se allarghiamo lo sguardo al dietro le quinte delle aziende agricole dove mamme, mogli, figlie e parenti esercitano un ruolo fondamentale nella filiera che dal campo porta i prodotti sul banco dei mercati per poi arrivare dritti nel cuore delle cucine dei toscani. In Toscana sono 50 i mercati contadini presenti regolarmente, ed ogni settimana, nelle piazze e nelle città.

Il successo commerciale delle imprese al femminile è, secondo Donne Impresa Coldiretti Toscana e Campagna Amica, da attribuire senza dubbio alla capacità di saper trasmette ai consumatori finali i valori, la storia ed i benefici dei prodotti agricoli coltivati o allevati instaurando con loro una empatia positiva. 

Successo che Donne Impresa Coldiretti Toscana ha voluto esaltare premiando, nella giornata internazionale delle donne, le imprenditrici della vendita diretta regalando loro fiori e dedicandogli iniziative. 

“Le donne che hanno scelto l’agricoltura - spiega Elena Bertini, Delegata Donne Impresa Coldiretti Toscana – dimostrano capacità di coniugare la sfida con il mercato e il rispetto dell’ambiente, la tutela della qualità della vita, l’attenzione al sociale, a contatto con la natura assieme alla valorizzazione dei prodotti tipici locali e della biodiversità. Grazie alle grandi opportunità offerte dall’agricoltura multifunzionale attenta al sociale, all’ambiente e ai cittadini, le donne hanno un ruolo di primo piano in agricoltura, nell’ospitalità turistica determinando il primato nazionale di agriturismi e posti letto, nel sociale garantendo servizi ed attività di supporto alle comunità. Molto spesso sono mamme – conclude la Delegata Donne Impresa Elena Bertini – che riescono a conciliare l’attività agricola con la famiglia in contesti non sempre agevoli come quelli montani e marginali dove la loro presenza ha un significato che va ben oltre l’attività economica”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno