Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 18 febbraio 2020

Lavoro venerdì 06 ottobre 2017 ore 11:29

Province in pre-dissesto, sciopero nazionale

La protesta è stata indetta da Cgil, Cisl e Uil. In Toscana sono tre le amministrazioni provinciali che non chiudono il bilancio



ROMA — Migliaia di lavoratori delle Province sono accorsi a Roma per la manifestazione davanti a Montecitorio organizzata dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil in occasione della giormata di sciopero nazionale di oggi.

"Evitiamo il baratro - si legge in una nota firmata da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl - Siamo al collasso delle Province e delle Città Metropolitane, servono risorse per consentire l'erogazione dei servizi fondamentali ai cittadini e per tutelare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, a partire dal pagamento degli stipendi".

In Toscana, su dieci province tre, quelle di Pistoia, Grosseto e Lucca, non hanno chiuso il bilancio, altre lo chiuderanno solo grazie ad azioni straordinarie come la vendite del patrimonio immobiliare.

 “Il rischio default aleggia - dichiara Alice D’Ercole, segretaria generale Fp Cgil Toscana - con il carico di conseguenze negative che porta per i servizi ai cittadini come la manutenzione delle strade e delle scuole e per i lavoratori: mancate stabilizzazioni, taglio del salario accessorio fino a posti di lavoro e stipendi a rischio”. 

“La mobilitazione del 6 ottobre - aggiunge Enzo Mastorci della segreteria regionale Fp-Cisl - vuol essere un segnale chiaro al Governo, che dalla Legge Del Rio in avanti ha lasciato che gli enti-provincia e le Città metropolitane soffocassero per assenza di risorse economiche, che sono necessarie allo svolgimento di funzioni proprie e di grande importanza come la manutenzione delle strade e degli istituti scolastici. I recenti eventi meteorologici di Livorno ancora una volta mettono in risalto la necessità di avere un Ente provincia efficace e funzionante. Questa riduzione progressiva delle risorse ha portato i cittadini ad una forte riduzione nei servizi e ha messo in ginocchio il personale dipendente oberato di funzioni sempre più pressanti per il blocco del turn over. Gli Enti sono sull’orlo del collasso e metteranno a rischio anche il pagamento degli stipendi. Il Governo dovrà anche dare risposte vere e concrete sullo sblocco del turn over, sulla garanzia delle risorse finanziarie e sull’annoso problema della Polizia Provinciale”. 

"E' necessario ogni sforzo che vada nella direzione di tutelare i lavoratori e garantire servizi fondamentali - spiega Flavio Gambini, responsabile Uil Fpl Toscana Enti Locali - Non può essere sottovalutato dalla politica un rischio di collasso del sistema che porterebbe conseguenze nefaste per intere famiglie e per intere comunità".

I tre sindacati ritengono indispensabile “recuperare con la prossima Legge di bilancio tutte le risorse necessarie per garantire a questi Enti la sostenibilità economica; sbloccare il turn over e stabilizzare i lavoratori precari; dare finalmente certezza al sistema delle politiche attive del lavoro attraverso il definitivo trasferimento di competenze dei Centri per l'impiego ed il relativo finanziamento; dare agli Enti la possibilità di poter realizzare una programmazione pluriennale degli interventi; individuare delle soluzioni specifiche per far uscire dalla crisi strutturale finanziaria gli Enti con maggiori difficoltà”.



Tag

Meloni in Senato per assistere all'intervento di Salvini su Gregoretti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità