Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:39 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 30 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
I consigli estetici di De Luca a Bonaccini: «Lo voto, ma spunti quella barba e si tolga gli occhiali a goccia»

Attualità domenica 20 novembre 2022 ore 11:04

Caro Natale, cibo e regali solo con lo sconto

Un carrello della spesa leggerissimo si aggira per l'Italia nel Natale 2022, le associazioni di categoria segnalano una grande selezione al ribasso



ROMA — Molte città hanno anticipato lo shopping natalizio per accelerare la ripresa, ma a detta degli esperti la corsa alle vendite infiocchettate sarebbe spinta dal Black Friday, che coincide con il periodo di forti sconti sulle vendite online. La lista dei regali e della spesa sembra essere corta e secondo i dati di Coldiretti molte famiglie si rivolgeranno alla rete dei discount.

Ci sono ad oggi oltre 3 milioni di persone in Italia costrette a chiedere aiuto per mangiare con i pacchi dono o nelle mense di carità e rappresentano la punta dell’iceberg delle difficoltà in cui rischia di trovarsi un numero crescente di famiglie a causa dell’inflazione spinta dal carrello della spesa per i costi energetici e alimentari.

Più di un italiano su dieci ha deciso - secondo i dati di Coldiretti - di anticipare lo shopping di Natale scegliendo di acquistare i doni da mettere sotto l’albero più di un mese prima del tradizionale appuntamento, per approfittare di sconti e promozioni.

Secondo Coldiretti "le persone che fanno acquisti in largo anticipo sono il 30% in più rispetto allo scorso anno, anche sulla spinta dell’inflazione balzata a +11,8% a Settembre rispetto allo stesso periodo del 2021. Ma c’è anche una ristretta minoranza del 5% che li ha addirittura già comperati, anche per premunirsi in attesa di nuovi aumenti ma anche dell’arrivo del freddo, che fa salire i consumi di gas e, con essi, le bollette per il riscaldamento. La crisi economica legata agli effetti della guerra in Ucraina imprime dunque una spinta verso regali utili e all’interno della famiglia, tra i parenti e gli amici si preferisce scegliere oggetti o servizi a cui non è stato possibile accedere durante l’anno".

Tra i regali più gettonati tornano i soldi assieme a vestiti e scarpe e l’enogastronomia preferendo l’acquisto di prodotti Made in Italy anche per aiutare l’economia nazionale e garantire maggiori opportunità di lavoro a sostegno della ripresa.

Le vendite online si confermano come un canale importante per la spesa dei regali "Le motivazioni per la spesa in rete sono la possibilità di avere la consegna a domicilio, una più ampia possibilità di scelta, l’opportunità di fare confronti e i prezzi convenienti anche se restano perplessità soprattutto sulla sicurezza dell’acquisto".

Secondo Confesercenti Toscana ed Ipsos i toscani spenderanno circa 300 euro nella settimana del Black Friday con l'obiettivo di chiudere in anticipo i pacchi natalizi.

La circolazione dei pacchi è a livelli record in tutta Italia come confermato da Poste Italiane che hanno riorganizzato la logistica per fare fronte alla gestione delle spedizioni nei centri di smistamento come Brescia, Sesto Fiorentino o Pisa.

Resistono i tradizionali luoghi di consumo dai negozi ai mercatini che in vista delle festività iniziano a popolare i centri delle città e dei luoghi di villeggiatura e riguarda anche l’alimentazione con la ricerca di prodotti del territorio da acquistare direttamente dal produttore nei mercati degli agricoltori.

Volano però gli acquisti di cibo low cost con i discount alimentari che fanno segnare un balzo del + 9,7% nelle vendite in valore il più elevato nel dettaglio tradizionale.

"Alla spesa alimentare viene destinato circa il 20% del totale della spesa familiare per un valore medio stimato dalla Coldiretti pari a 520 euro al mese a famiglia nel 2022 per effetto dell’inflazione e dei rincari energetici. Gli italiani vanno a caccia dei prezzi più bassi anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount alla ricerca di promozioni per i diversi prodotti. Accanto alla formula tradizionale del 3×2 ed ai punti a premio si sono moltiplicate e differenziate le proposte delle diverse catene per renderle meno confrontabili tra loro e più appetibili ai clienti: dalle vendite sottocosto che devono seguire regole precise ai buoni spesa". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno