Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella a Sanremo, la standing ovation dell'Ariston poi canta l'«Inno» e si commuove alle parole di Benigni

Attualità martedì 11 ottobre 2022 ore 18:35

"La sicurezza nazionale dipende dal rigassificatore di Piombino"

Il porto di Piombino
Il porto di Piombino

Il ministro Cingolani: "Se non riusciremo ad usare la nave rigassificatrice da 5 miliardi di metri cubi di gas sarà un suicidio"



ROMA — Sono gli ultimi giorni del governo Draghi ma il ministro alla transizione ecologica Roberto Cingolani ha voluto ribadire che il progetto di collocare nel porto di Piombino una nave rigassificatrice è una questione di sicurezza nazionale alla luce della drammatica crisi energetica che stanno attraversando l'Italia e l'Europa dopo che la Russia ha invaso l'Ucraina.

"Sull'entrata in funzione del rigassificatore di Piomino sicurezze non ne ho ma spero che tutti si rendano conto che la sicurezza nazionale dipende da quello - ha dichiarato Cingolani nel corso di un evento -  Se avremo la nave rigassificatrice e non riusciremo ad usarla, sarà un suicidio. Tutti gli altri Paesi stanno facendo la stessa cosa: la Germania ne sta facendo 5 di rigassificatori, l'Olanda ne ha messo in cantiere uno da 18 miliardi di metri cubi. Tutti stanno spostando il baricentro sul Gnl (gas naturale liquefatto)".

"L'Italia è stata l'unica che si è messa in sicurezza con una campagna di acquisti diversificati in diversi Paesi africani - ha aggiunto il ministro - Abbiamo sostituito 29 miliardi di metri cubi annuali dalla Russia con 25 miliardi da altre forniture. Metà di questo gas va in conduttura, l'altra metà è Gnl. E' urgentissimo che, almeno dall'anno prossimo, ci sia il nuovo rigassificatore di Piombino da 5 miliardi di metri cubi ed entro l'inizio del 2024 il secondo a Ravenna".

"Oggi abbiamo dimezzato  la nostra dipendenza dal gas russo dal 40% al 20% - ha sottolineato Cingolani - Con il rigassificatore di Piombino dobbiamo dimezzarla ulteriormente. L'indipendenza totale dal gas russo è prevista per la seconda metà del 2024, quando saranno piazzati i due nuovi rigassificatori. Con quelli potremo liquefare 13 miliardi di Gnl in più delle nuove forniture"-

Il presidente della Regione Eugenio Giani, commissario straordinario per il rigassificatore, si è detto ottimista sulla possibilità che il prossimo 21 Ottobre la Regione Toscana dia il via libera al progetto "se ci saranno le condizioni".

"Il rigassificatore di Piombino ci consentirà di raccogliere gas nel periodo estivo per l'inverno - ha spiegato l'amministratore delegato di Snam Stefano Venier - Oggi dovremo essere al 93% degli stoccaggi di gas, finora sostenuti dai flussi russi. Se l'anno prossimo non li avremo, ci saranno 2 miliardi da riempire e lo potremo fare l'anno prossimo con la nave rigassificatrice di Piombino".

"Oltre ai nuovi rigassificatori abbiamo un piano ambizioso sulle rinnovabili - ha proseguito il ministro - Ogni 8 gigawatt di solare ed eolico si risparmiano più di 2 miliardi di metri cubi di gas. Se manterremo il piano dl Pnrr di 7-8 gigawatt all'anno fino al 2030, nei prossimi 8 anni potremo risparmiare 16 miliardi di metri cubi. A questi si aggiungono i biocarburanti, le misure di risparmio e la circolarità. Se non ci sono catastrofi, i numeri tornano e dovremo gestire tutto il percorso".

In merito alle contestazioni avanzate dal Comune di Piombino e dai comitati cittadini che si oppongono al progetto, il ministro ha dichiarato che "qualcuno dovrà prendersi la responsabilità". "Io sono stato chiaro - ha detto Cingolani - la nave resterà 3 anni e poi la sposteremo in un sito non invasivo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità