Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità sabato 11 aprile 2020 ore 02:11

Nuovo decreto anti-covid, ecco chi può riaprire

Il nuovo decreto firmato ieri dal premier Conte autorizza la riapertura di alcune attività e studi professionali. Il testo integrale con i dettagli



ROMA — La serrata per contenere l'epidemia di Covid continua fino al 3 Maggio ma qualche minimo allentamento delle restrizioni c'è stato nel nuovo decreto firmato ieri sera dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte al termine di una lungo e tormentato vertice di maggioranza (in fondo all'articolo il testo integrale, scaricabile).

Il nuovo decreto è formato da otto articoli che ribadiscono le misure di contenimento adottate finora (compresa l'attività motoria ammessa solo nelle vicinanze dell'abitazione e il divieto degli spostamenti se non per lavoro o necessità) e quattro allegati con gli elenchi delle attività consentite e alcune prescrizioni generali di carattere sanitario. 

Allegato 1 - Comprende le attività commerciali ammesse. Le novità riguardano la riapertura dal 14 Aprile di:

- negozi per vestiti e articoli per bambini e neonati, 

- librerie, 

- cartolerie,

- viene consentito il commercio di qualsiasi prodotto tramite internet, la televisione, per corrispondenza, radio, telefono, tramite distributori automatici.

Le altre attività commerciali inserite nell'elenco sono quelle che sono sempre state consentite, a partire da farmacie e parafarmacie, ipermercati, supermercati, discount alimentari, negozi di prodotti surgelati, distributori carburante per autotrazione, ferramenta, vernici, vetro piano, materiale elettrico e termoidraulico, illuminazione, articoli igienico sanitari, edicole, articoli per piccoli animali, ottica e fotografia, combustibile per uso domestico e di riscaldamento, apparecchiature informatiche, elettronica, saponi e detersivi, prodotti per la lucidatura, profumeria e toeletta.

L'apertura è comunque subordinata al rispetto degli ingressi contigentati, una sola persona alla volta nei negozi fino a 40 metri quadrati di superficie, ingressi e uscite differenziati se ci sono due aperture, pulizia dei locali due volti al giorno, utilizzo di guanti e mascherine, distributori di gel igienizzante accanto a Pos e tastiere.

Allegato 2 - comprende i servizi alla persona ammessi ovvero:

- lavanderia e pulitura di articoli tessili e pellicceria

- lavanderia industriali

- altre lavanderie e intuire

- pompe funebri

Restano chiusi parrucchieri, centri di estetica, palestre, piscine.

Allegato 3 - comprende le aziende produttrici di beni ritenuti essenziali e le attività professionali che possono continuare l'attività oppure riprenderla. 

Fra le novità la silvicoltura e l'utilizzo di aree forestali, l'industria del legno e sughero (mobili esclusi), la fabbricazioni di articoli in paglia e materiali da intreccio. Ammessa l'attività di call center nel rispetto delle norme igieniche di base come la distanza di sicurezza. 

Riaperti tutti gli studi professionali con obbligo di distanziamento sociale, dotazione di  guanti e mascherine.

Allegato 4 - Ribadisce le misure igienico sanitarie che dovranno essere osservate anche nella cosidetta fase 2, ovvero dopo la riapertura graduale di tutte le attività:

- lavarsi spesso le mani, mettere a disposizione nei luoghi pubblici soluzioni idroalcoliche per il lavaggio della mani;

- evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute

- mantenere nei contatti sociali la distanza interpersonale di almeno un metro

- praticare l'igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con la secrezione respiratoria

- non toccarsi con le mani occhi, naso e bocca

- non prendere farmaci antivirali e antibiotici a meno che non siano prescritti da un medico

- pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.

Qui sotto in allegato il testo integrale del decreto 10 Aprile 2020, scaricabile.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno