Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:01 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il Papa tra la folla dei cristiani nel villaggio di Qaraqosh in Iraq

Attualità domenica 01 novembre 2020 ore 19:30

Nuovo Dpcm, commercio e anziani, si cambia rotta

Vertice tra enti locali e Governo, tra le richieste quella di limitare gli spostamenti degli over 70 e lo stop ai centri commerciali nel weekend



ROMA — Terminata la riunione dei ministri alla Salute, Roberto Speranza, e agli affari regionali Francesco Boccia con i rappresentanti di Regioni, Comuni e Province, per discutere delle nuove misure valutate dal governo per contrastare la seconda ondata dell'epidemia. Misure che potrebbero essere contenute nel prossimo Dpcm anti-Covid, previsto per domani.

Per sindaci e Regioni c'è la necessità comunque di evitare un nuovo lockdown. Per i governatori la richiesta è quella di misure uniformi per tutta Italia mentre per i sindaci ci vorrebbero misure restrittive per i territori più colpiti dal virus.

Presenti in conferenza i presidenti di Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Liguria, Sicilia, Puglia, Toscana, Campania, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo e Molise. 

Per il governatore della Toscana Eugenio Giani non è il momento di lockdown nazionali, la sua indicazione resterebbe quella di nessuna zona rossa in Toscana, sempre che non lo preveda il nuovo Dpcm.

"Come sindaci siamo stati chiari: se ci devono essere delle limitazioni che siano in base al tasso di contagio e non generalizzate su base regionale. Si chiudono le zone solo se Rt sale. Evitiamo fughe in avanti, meglio una pianificazione valida per tutti", ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella.

Tra le proposte Liguria, Piemonte e Lombardia hanno avanzato la proposta di limitare gli spostamenti degli over 70, potenziando l'assistenza domiciliare. Le Regioni puntano in ogni caso a misure che siano il più possibile indirizzate a tutto il paese, evitando interventi troppo differenziati.

Sul tavolo anche proposte per le restrizioni ad attività commerciali e scuola, per i centri commerciali l'idea sarebbe quella della chiusura nei weekend e per gli istituti si pensa a didattica a distanza in tutte le aree del paese per le superiori, in forse per le medie.

Boccia ha prospettato tra l'altro il rafforzamento dei cosiddetti Covid Hotel per i positivi asintomatici che non possono stare in isolamento in casa.

Tutto ancora da decidere, visto che il ministro Boccia ha riconvocato la riunione per domani mattina.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità