Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:00 METEO:FIRENZE18°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Cronaca giovedì 13 aprile 2023 ore 11:00

Toscana crocevia dei traffici di 'ndrangheta

dia

Le ramificazioni delle cosche vedono in uno dei porti toscani lo snodo logistico dei traffici internazionali di droga imbastiti dalle cosche



ROMA — Area d'influenza nelle mire della 'ndrangheta col porto di Livorno fra gli snodi logistici cruciali per i traffici internazionali di droga imbastiti dalle cosche: è la presenza della 'ndrangheta in Toscana secondo l'ultima relazione semestrale al parlamento della Direzione investigativa antimafia (Dia), relativa al primo semestre 2022.

La scena criminale, secondo la Dia, è dominata in maniera indiscussa dalla 'ndrangheta a livello nazionale, con sfere d'influenza in molte regioni fra cui la Toscana e infiltrazioni diffuse negli enti locali.

Sono 46 i gruppi criminali locali censiti nel nord Italia dalla Dia, con proiezioni che si spingono all'estero non solo in Europa, ma anche in Australia e Americhe, ultimamente Africa occidentale. E' proprio soprattutto entro queste relazioni internazionali che si sviluppa la rete dei traffici di stupefacenti per i quali si rivelano centrali i porti italiani. Quelli calabresi, Gioia Tauro in testa, ma anche quelli dell'Alto Tirreno fra cui lo scalo marittimo di Livorno insieme a quelli di Vado Ligure, Genova e La Spezia.

"La Toscana si conferma, anche nel periodo di riferimento, un territorio d’interesse delle consorterie criminali, con particolare riferimento al settore turistico-alberghiero soprattutto lungo la costa, alla gestione dei rifiuti, alla ristorazione ed agli appalti pubblici", si legge tra l'altro nella relazione. 

E ancora: "Le attività investigative hanno ulteriormente mostrato come la Toscana rappresenti una terradi interesse per le consorterie criminali. Nello specifico, le attività criminali si concentrano nell’estorsione e nell’usura, nel traffico e spaccio di sostanze stupefacenti tra la regione d’origine e la Toscana stessa, nella gestione, traffico e smaltimento illecito di rifiuti, nel riciclaggio di danaro e reimpiego in attività immobiliari o imprenditoriali".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno