Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°20° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 25 agosto 2019

Attualità sabato 12 novembre 2016 ore 16:36

Salvini prende la rincorsa da Firenze

Attacco frontale del leader leghista al premier Renzi davanti a una piazza Santa Croce gremita. "Da oggi si prende il via per andare a vincere"



FIRENZE — Matteo Salvini è salito sul palco per il rush finale della manifestazione in piazza Santa Croce. Ad aprirgli la strada, dopo i sindaci e i governatori della Liguria Giovanni Toti e della Lombardia Roberto Maroni, è stata la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni che ha infiammato la piazza parlando di immigrazione, globalizzazione e No al referendum. 

Un No che lo stesso Salvini ha fin dall'inizio dell'evento declinato come No al governo. Salvini si è scagliato subito contro il premier Matteo Renzi, definendolo "bugiardo patologico" e ha omaggiato Firenze citando Oriana Fallaci. 

Quindi l'attacco all'Europa: "Un'Unione Europea che non aiuta i nostri terremotati non è la mia unione. Grazie ai pullman che sono arrivati dalle zone colpite dal terremoto". 

A Renzi poi ha detto: "Non permetterti di mandare in quei comuni terremotati tende e pezzi di scarto perché i posti negli alberghi servono ad altri e non mandargli un container per bagno".

"Entro un anno andiamo a vincere", ha aggiunto Salvini che poi ha allargato il mirino all'intero Pd: "Il Pd che ha votato la  Bolkestein che l'anno prossimo manderà a casa migliaia di lavoratori, il Pd che ci sta facendo arrivare l'olio dalla Tunisia e il cioccolato senza cacao". 

Poi si è rivolto ai giornalisti: "Domani presenteremo denuncia nei confronti di Matteo Renzi perché comprarsi gli indirizzi degli italiani residenti all'estero per mandare la letterina per votare Sì è un reato penale. I brogli elettorali prima di andare a votare io non li avevo mai visti". 

Sulle elezioni negli Stati Uniti ha aggiunto: "Chi c'era con la Clinton? I lobbisti, i giornalisti, Bruce Springsteen e la signorina Madonna che aveva fatto una promessa elettorale di alto contenuto politico. Ma la gente non la compri più con il lecca lecca e il palloncino".

Alla domanda su una sua candidatura a premier: "Io sono uno fra i tanti ma se il voto della Brexit ci insegna qualcosa non è più tempo di avere paura e, se voi siete d'accordo, con oggi da Firenze si parte per andare a vincere. Non ho tempo da perdere e non ho paura di niente e di nessuno".

MATTEO SALVINI SU MANIFESTAZIONE IO VOTO NO - dichiarazione


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità