Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 21 agosto 2019

Attualità mercoledì 15 luglio 2015 ore 17:09

Treno bloccato, Ceccarelli chiede spiegazioni a FS

Dopo i gravi disagi subiti da 200 pendolari rimasti chiusi in un convoglio a Compiobbi, l'assessore regionale pretende una relazione completa



FIRENZE — Il treno in questione era partito alle 16.22 di ieri da Firenze alla volta di Arezzo. Nel tratto fra Rovezzano e Compiobbi, a seguito di un incendio sulle colline che sovrastano la linea ferroviaria, il convoglio è stato fermato e l'energia elettrica disattivata, lasciando 200 persone alle prese con un caldo soffocante e senza informaizoni su quel che stava succedendo.

Sull'episodio, immediatamente stigmatizzato dalle forze di opposizione in consiglio regionale, alcuni consiglieri del gruppo Pd (primo firmatario il capogruppo Leonardo Marras) hanno presentato un'interrogazione all'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli per conoscere "le azioni e le iniziative da assumere nell'ambito del nuovo contratto di servizio".

"Ho chiesto a Trenitalia e Rfi una relazione completa sulla vicenda del treno bloccato per l'incendio sulla linea aretina - ha dichiarato oggi l'assessore Vincenzo Ceccarelli - E' evidente che si è trattato di una situazione di emergenza, legata ad un evento esterno, ma quello che vogliamo accertare è che sia stato posto in essere ogni accorgimento possibile per limitare gli inevitabili disagi all'utenza del treno. In caso contrario assumeremo i necessari provvedimenti".

"Sono giorni di grande caldo e questo sta rendendo difficile la vita di chi si muove, in treno, in autobus, o in qualsiasi altro modo - ha detto ancora l'assessore -  Quello che dobbiamo pretendere  è che ognuno faccia al meglio il proprio lavoro. Comprendo bene la rabbia e la protesta di coloro che hanno dovuto sopportare i disagi ma non comprendo le strumentalizzazioni politiche di chi vorrebbe far intendere che la soluzione del problema dipende solo dalla volontà della Regione. Purtroppo - conclude Ceccarelli - non è così e la bacchetta magica non è ancora in vendita".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca