Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:FIRENZE16°23°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei Atletica, Italia oro nella 4x100 maschile: la gara

Attualità martedì 22 agosto 2023 ore 10:23

Mano tesa dalla Toscana per il nuovo pronto soccorso in Albania

L'inaugurazione
L'inaugurazione

Il reparto di emergenza dell'ospedale locale è stato ristrutturato con finanziamenti anche della Regione e la collaborazione di sanitari toscani



VALONA (ALBANIA) — Mano tesa dalla Toscana per realizzare a Valona, in Albania, il nuovo pronto soccorso dell'ospedale locale: la ristrutturazione è stata possibile grazie ai finanziamenti dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) e della Regione Toscana. Il servizio è progettato per potenziare i servizi di urgenza nelle regioni costiere dell'Albania. 

La collaborazione con la sanità toscana ha visto 38 professionisti del sistema sanitario toscano impegnati in attività di assistenza tecnica e formazione, rafforzando il partenariato, più che decennale, tra il sistema sanitario regionale toscano ed il Ministero della salute albanese.

L’inaugurazione è avvenuta nei giorni scorsi e vi hanno preso parte la ministra albanese della salute e della protezione sociale Ogerta Manastirliu, l'ambasciatore d'Italia in Albania Fabrizio Bucci, la direttrice della Cooperazione italiana in Albania Stefania Vizzaccaro e la direttrice del Centro di salute globale della Regione Toscana Maria José Caldés.

“Per la Regione Toscana - commentano il presidente Eugenio Giani e l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini - la cooperazione sanitaria internazionale non è solo la testimonianza di un impegno per promuovere una salute accessibile a tutti in un mondo più equo e solidale, ma rappresenta anche la convinzione che nessun individuo o comunità possa affrontare le sfide sanitarie da solo". 

"Grazie alla cooperazione - aggiungono - si aprono le porte a un flusso costante e proficuo di conoscenza che attraversa confini culturali e nazionali e favorisce una cultura di mutuo apprendimento continuo”.

Centro di salute globale della Regione Toscana: ecco cos'è e dove opera

Struttura di coordinamento regionale delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale, il Centro di salute globale della Regione Toscana collabora con l'Aics nell'ambito di progetti in vari paesi tra cui Senegal, Kenya, Uganda e Tanzania con impegno particolare all'ambito materno-infantile, Tunisia per la rete di cure primarie, Libano per le disabilità, Territori palestinesi e Libia per la crescita della rete di cure terziarie.

Attraverso il Centro di salute globale, inoltre, la Regione finanzia le sue aziende sanitarie e gli attori del terzo settore con progetti di cooperazione sanitaria internazionale, in diverse aree del mondo, in particolare nell’Africa sub-sahariana e nel Maghreb

Le iniziative di cooperazione sanitaria regionale si estendono anche in Medio Oriente, mantenendo l'impegno tradizionale della Toscana nella promozione dei diritti umani fondamentali e tra questi il diritto alla salute.

Nei Balcani, il sistema sanitario toscano agisce come partner per i paesi della regione, mirando a rafforzare i servizi sanitari pubblici in vista di una progressiva integrazione nell'Unione europea. In America Latina, infine, gli sforzi si concentrano sul potenziamento dei servizi sanitari in aree con bassi livelli di reddito e contesti sociali meno avanzati, contribuendo a ridurre le disuguaglianze e promuovendo il benessere nelle comunità locali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno