Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE18°31°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Attualità mercoledì 06 luglio 2022 ore 15:30

Via Francigena patrimonio Unesco, obiettivo 2025

La Regione Toscana è stata nominata capofila del percorso che dovrebbe portare nel 2025 al riconoscimento della Via Francigena come patrimonio Unesco



FIRENZE — Regione Toscana a capofila del progetto che dovrebbe portare nel 2025 al riconoscimento della Via Francigena come patrimonio Unesco, è quanto deciso nel corso di un incontro che ha riunito a Firenze i rappresentanti della regioni italiane attraversate dalla Via Francigena di Sigerico.

Il protocollo d’intesa durerà tre anni, tra Toscana, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Liguria, Lazio e Valle d’Aosta che insieme si impegnano a proseguire l’iniziativa comune nei confronti degli altri Paesi europei attraversati dalla Francigena, ovvero Inghilterra, Francia, Svizzera e Città del Vaticano. La Regione Toscana sarà coordinatrice del progetto e presiederà il Comitato di coordinamento in cui sono rappresentati tutti i firmatari. Coinvolta in qualità di partner anche l’Associazione europea delle Vie Francigene che fornirà il suo contributo anche di carattere scientifico.

Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, ha aperto l'incontro assieme all’assessore regionale al turismo Leonardo Marras, ai sottosegretari di Stato dei Ministeri della Cultura e degli Esteri, Lucia Borgonzoni e Benedetto Della Vedova, il presidente Associazione europea Vie Francigene, Massimo Tedeschi, del direttore del gruppo scientifico Aevf, Luca Bruschi, di Federico Eligi, consigliere del presidente Giani per i Cammini, di Elena Pianea, direttrice Beni, istituzioni, attività culturali e sport della Regione Toscana, di Maria Pianigiani, del Focal Point Unesco del Ministero Beni Culturali e di Roberta Pesci, capo sezione Unesco dell'ufficio Dgdp VI Cooperazione culturale in ambito multilaterale. Collegati con Firenze anche Jean-Pierre Guichardaz, assessore ai Beni Culturali e Turismo della Regione Valle d’Aosta, Vittoria Poggio, assessore Cultura e Turismo del Piemonte, Stefano Bruno Galli, assessore Autonomia e Cultura della Lombardia, Andrea Massari, presidente della Provincia di Parma, per la Regione Emilia-Romagna, Alessandro Piana, vice presidente Regione Liguria e Roberto Ottaviani, direttore dell’Agenzia del Turismo della Regione Lazio.

“Quello che abbiamo ricevuto oggi - ha detto Giani - è un graditissimo riconoscimento del ruolo e dell’importanza che la Toscana ha giocato nella definizione del percorso che ci porterà alla redazione del dossier attraverso il quale arriveremo ufficialmente a presentare la candidatura della Francigena nella lista del patrimonio Unesco. In questo vero e proprio campionato delle eccellenze mondiali come Toscana abbiamo già segnato otto goal, tanti sono i siti patrimonio dell’umanità presenti nella nostra regione, e puntiamo decisamente al nono. Intendiamo raggiungerlo con un grande gioco di squadra, che stiamo organizzando di concerto con altre sei Regioni italiane e con lo stesso Ministero della Cultura. Confido nel collettivo e sono fiducioso che riusciremo a centrare l’obiettivo che ci siamo posti”.

“Il protocollo - ha aggiunto il sottosegretario Borgonzoni - segna un ulteriore e indispensabile passo avanti verso il riconoscimento della Via Francigena Patrimonio dell’Umanità. Una sfida cominciata anni fa, che il Ministero della Cultura ha saputo cogliere prontamente, lavorando senza interruzione al fianco delle Regioni. L’inserimento di questo storico itinerario nella lista Unesco permetterebbe di riconoscerne l'importanza e lo straordinario valore universale, contribuendo a promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo. Senza dimenticare il forte impulso alla crescita turistica, sociale ed economica dei territori coinvolti. L’intesa firmata oggi, pertanto, impegna tutti a continuare il percorso intrapreso con sempre maggiore determinazione”.

“Il Ministero degli Esteri - ha sottolineato il sottosegretario Della Vedova - guarda con profondo interesse al progetto di candidatura della Via Francigena alla Lista del Patrimonio Mondiale, ed esprime il suo apprezzamento per l’efficace collaborazione tra le diverse istituzioni a vario titolo coinvolte nel complesso percorso che sappiamo essere alla base del processo di definizione di una candidatura. Un tema, quello delle candidature, che seguiamo con sempre maggiore attenzione, ancor più da quando, lo scorso novembre, siamo stati rieletti, dopo vent’anni di assenza, membri del Comitato del Patrimonio Mondiale, l’organo chiamato a gestire proprio la Lista del Patrimonio Mondiale, consentendoci, dunque, di mettere ancor più direttamente al servizio della collettività degli Stati membri l'apprezzata expertise italiana nei settori della conservazione, protezione e valorizzazione del Patrimonio”.

Nel 2025 anno del Giubileo, è attesa la notizia del riconoscimento dell’intero percorso della Via Francigena con il suo inserimento nella World Heritage List, la lista dei luoghi considerati dall’Unesco patrimoni mondiali dell’umanità.

"La via Francigena, 'regina' dei cammini della Toscana - ha detto l’assessore Marras - è già adesso un importante attrattore turistico. Con questo riconoscimento e poi con il coronamento del percorso da parte dell’Unesco lo sarà sempre di più. Il protocollo sottoscritto oggi, quindi, è per noi un ulteriore stimolo per proseguire il lavoro di valorizzazione e promozione dei cammini: con l'atlante abbiamo messo a sistema la rete delle vie storiche che attraversano la Toscana offrendo ai visitatori un quadro chiaro e completo di informazioni, continueremo su questa strada, insieme agli ambiti turistici, per realizzare un'offerta tematica sempre più compiuta ed attrattiva in vista del giubileo del 2025".

“Gli itinerari culturali e transnazionali come la Via Francigena - ha detto il vicepresidente della Regione Liguria Alessandro Piana - sono sempre più da sostenere in modo integrato, per il portato storico e paesaggistico e per il ruolo di settore trainante del viaggiare in modo sostenibile e responsabile, nel rispetto dei territori e delle tradizioni. Promuoverla significa valorizzare i nostri borghi, le peculiarità, le eccellenze enogastronomiche e recuperare quel senso di comunità e di scambio che accomuna la visione sovranazionale e che rinsalda sempre più la collaborazione tra Regioni. Di fatto, Regione Liguria si è impegnata a supportare la candidatura Unesco della Via Francigena e a valorizzare sempre più il tratto che attraversa il nostro Levante, da Santo Stefano di Magra sino a Luni”.

“Con la firma di oggi sul protocollo che coinvolge tutti gli enti interessati - ha aggiunto Federico Eligi - la Regione Toscana lancia la fase finale della candidatura in vista del giubileo del 2025. Negli ultimi mesi abbiamo registrato una chiara volontà del Governo, in particolare del Ministero della Cultura, che ha stanziato risorse importanti e mai viste prima, per questa operazione: più di un milione di euro per supportare la candidatura poniamo basi serie e credibili per raggiungere l’importante traguardo che ci siamo prefissi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vento fortissimo, sì, ma differente dalla tromba d'aria per il moto delle correnti e per gli effetti avversi che produce sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità