Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:47 METEO:FIRENZE20°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 04 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Marmolada, due escursionisti vengono sfiorati dalla colata di ghiaccio

Attualità sabato 27 giugno 2015 ore 17:47

Bolkestein, nel mirino anche gli ambulanti

Marco Stella, vicepresidente del Consiglio regionale, sta lavorando insieme ad Antonio Tajani contro l'applicazione della direttiva



FIRENZE — "Un giro d'affari di oltre un miliardo di euro, 700 mercati, 11mila esercizi e più di 13mila addetti. Sono i numeri del commercio ambulante in Toscana, a cui si aggiungono 300 stabilimenti balneari sul nostro litorale, che impiegano tra le 4500 e le 5 mila persone. Un mondo che crea ricchezza e occupazione, ma che rischia di essere travolto dalla direttiva europea Bolkestein: sto lavorando perché la Toscana si batta contro l'applicazione letterale di questa direttiva, ed escluda ambulanti e balneari".

Lo afferma il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella di Forza Italia. "Insieme al vicepresidente del Parlamento Europeo,Antonio Tajani - sottolinea Stella - mi sto battendo per escludere dalla dicitura "risorse naturali limitate" il suolo pubblico, e quindi far uscire dall'ambito di applicazione della Bolkestein mercati, fiere, chioschi e stabilimenti balneari".

"Sono categorie - evidenzia - che "occupano" anziché "sfruttare" il suolo pubblico; nel caso degli ambulanti lo fanno solo per poche ore alla settimana e non vendono 'risorse naturali limitate', ma semplicemente la loro merce: includere queste attività nella Bolkestein è una forzatura".

"La Commissione Ue - sottolinea il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana - ha il dovere di valutare in maniera approfondita l'applicazione della Bolkestein in alcuni Paesi per determinati settori, come i balneari e gli ambulanti. Siamo l'unica nazione europea che ha 7.000 km di costa, c'è una specificità tutta italiana. E c'è il pericolo che con le aste per assegnare le concessioni non soltanto arrivino le multinazionali, che danneggerebbero le nostre Pmi, ma anche la malavita organizzata, italiana e non, interessata a riciclare denaro sporco. Bisogna che l'Europa si renda conto dei rischi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tragico incidente nel tratto livornese della Sgc Firenze Pisa Livorno. L'uomo, che viaggiava in scooter, non è riuscito ad evitare l'animale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Monitor Consiglio