Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:10 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella tra i primi al seggio a Palermo a votare per le elezioni

Arte giovedì 12 marzo 2015 ore 17:23

Bronzo, potere e pathos

Servizio di Linda Giuliani

A Palazzo Strozzi la nuova mostra dedicata alla straordinaria evoluzione della scultura nel periodo ellenistico. Cinquanta opere da tutto il mondo



FIRENZE — L'esposizione sarà aperta al pubblico dal 14 marzo al 21 giugno ed è il frutto della collaborazione fra il Paul Getty Museum di Los Angeles, la National Gallery of Art di Washington e la Soprintendenza archeologica della Toscana. Ma le sculture selezionate, fra i maggiori capolavori del mondo antico, provengono da molte altre città e paesi, New York, Atene, Vienna, Madrid, Londra e Napoli.

L’obiettivo è quello di raccontare gli eccezionali sviluppi della tecnica scultorea in età ellenistica attraverso l’uso del bronzo, un materiale che, per le sue caratteristiche, consente agli artisti capacità di espressione molto maggiori rispetto ad altri materiali come, ad esempio, al marmo. Secondo Plinio il Vecchio, il bronzo corinzio era considerato più prezioso dell'argento e di valore quasi paragonabile all'oro. Non a caso oggi le opere in bronzo sono oggi rarissime e i bronzi antichi in gran parte perduti perchè fusi per produrre monete o armi.

Il titolo dell'esposizione, Potere e Pathos, vuol coniugare l'immagine eroica del potere del principe, uno dei soggetti più diffusi delle opere in bronzo, con la capanità che hanno le opere del periodo ellenistico di suscitare con la loro potenza drammatica un intensa emozione affettiva e commozione estetica.

La maggior parte delle opere in mostra sono state ritrovate in mare e non in terra.

Fra le sculture più significative, la statuetta di Alessandro Magno a cavallo, un’opera del primo secolo a.c in prestito dal museo archeologico di Napoli, e la Minerva di Arezzo, custodita al museo archeologico di Firenze. 

Dopo la tappa fiorentina, si sposterà prima a Los Angeles poi alla National Gallery di Washington.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

James Bradburne - direttore fondazione Palazzo Strozzi - dichiarazione
Kenneth Lapatin - curatore della mostra - dichiarazione
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto sul posto nonostante i tentativi di rianimazione il ragazzo di 26 anni alla guida dell'auto coinvolta nel drammatico incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Politica

Attualità