Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11°24° 
Domani 10°22° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 20 settembre 2019

Attualità venerdì 19 agosto 2016 ore 10:11

Un nido di tartaruga sulla spiaggia di Capalbio

C'è un nido di tartaruga marina Carretta carretta sulla spiaggia davanti al campeggio di Capalbio. A segnalarlo una coppia di turisti svizzeri



CAPALBIO — Utilizzato per la prima volta da parte dell'Università di Pisa lo strumento del georadar per confermare la presenza di un nido di tartaruga marina, Caretta caretta, segnalato a luglio scorso. È la seconda volta che una tartaruga marina nidifica con certezza sulle spiagge toscane.

Il nido di tartaruga marina sulla spiaggia davanti al Campeggio di Capalbio è stato segnalato il 21 luglio scorso da una coppia di turisti svizzeri, i signori Grob, ospiti del campeggio. Per confermare e meglio individuare il nido della tartaruga marina (Caretta caretta) lo scorso 12 agosto è stato effettuato un sopralluogo con strumenti specialistici da parte dell'Università di Pisa, con il Prof. Adriano Ribolini del Dipartimento di Scienze della Terra, in collaborazione con i tecnici dott. Gianfranco Morelli e Filippo Barsuglia della Geostudi Astier di Livorno.

È la prima volta che in Italia viene utilizzato uno strumento così sofisticato per individuare un nido di tartaruga marina.

Al sopralluogo, che si è protratto dalle 11,30 alle 15,30 circa di venerdì 12 agosto, erano presenti, oltre ai tecnici del Settore Mare di ARPAT per conto dell’Osservatorio Toscano per la Biodiversità, anche l’Acquario di Livorno, la Capitaneria di Porto con la delegazione di Orbetello ed i volontari del Wwf e di Legambiente che, assieme ai gestori del Campeggio, si faranno carico della sorveglianza del nido dai primi di settembre, momento in cui trascorse le sei settimane di incubazione, potrebbero schiudersi le uova.

Tutto è iniziato appunto il 21 luglio, alle ore 06,00 circa, quando i signori Grob, entrando in spiaggia si sono trovati di fronte una Caretta caretta, tartaruga marina di grosse dimensioni tipica anche del Mediterraneo, che si trovava ai piedi della duna, molto lontana dall'acqua, e che stava lentamente riguadagnando la riva per poi sparire nuovamente in mare.

La sorpresa è stata immensa, ma non ha colto di sorpresa i due turisti, che senza perdere tempo hanno avuto la prontezza di effettuare alcune foto.

Dopo l’indagine col georadar sembra quindi confermata la presenza di una cavità posta a circa 50-60 cm di profondità sotto la sabbia. Il risultato preliminare ha comunque permesso la localizzazione di un punto all’interno dell’area che era stata immediatamente circoscritta già a luglio ed è stato realizzato un nuovo recinto a protezione del sito fino al momento della schiusa delle uova.

Tutte le operazioni si sono svolte grazie alla preziosa collaborazione e disponibilità del personale e della direzione del Campeggio di Capalbio.

Questo evento ha una notevole importanza perché è solo la seconda volta, dopo la scoperta di un nido il 6 settembre 2015 sulla spiaggia della Giannella, che una tartaruga marina nidifica con certezza sulle spiagge toscane.



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità