Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:26 METEO:FIRENZE19°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Attualità mercoledì 26 maggio 2021 ore 18:06

L'abete bianco più alto d'Italia è in Toscana

Il primato è di un albero che si trova nel Parco delle Foreste Casentinesi. E' stato misurato dai tecnici della Giant Trees Foundation onlus



CHIUSI DELLA VERNA — I Frati del Santuario Franescano della Verna, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, il Comune di Chiusi della Verna e Giant Trees Foundation onlus annunciano con soddisfazione che nel territorio casentinse è stato trovato l’erede dell’Avez del Prinzep.  Con i suoi 52,15 m di altezza era l’abete bianco più alto d’Italia, misurato scientificamente e monitorato costantemente tramite arrampicata dai tecnici della Giant Trees Foundation onlus. 

Ma tre anni fa il gigante di Longarone era crollato durante una tempesta. Il trono di albero autoctono più alto d’Italia era quindi passato ad un abete rosso di 51,16 metri, il Conte Thun Tree, sempre misurato dagli specialisti di Giant Trees Foundation durante la ricerca dell’albero più alto d’Italia del 2016. Durante quella spedizione l’albero più alto era risultato una douglasia di 62,45 metri (l’Italian Tree King), nella Riserva naturale statale di Vallombrosa (Reggello-FI), seguito dalla Sequoia Gemella del Castello di Sammezzano di 53,96 metri, dalla sequoia gigante di Appiano di 52,13 metri, dal Pino di Lambert di Vallombrosa (denominato Nazareno), di 51,60 metri e quindi dal primo albero autoctono di questa speciale classifica, l’abete rosso trentino, il Conte Thun Tree. 

Molti ritenevano però che in Italia ci fossero ancora alberi autoctoni più alti di 50 metri e un frate francescano, Fra Valerio, aveva richiesto una misurazione ufficiale ai tecnici della Giant Trees Foundation per verificare l’altezza di alcuni maestosi abeti bianchi presenti nella foresta di La Verna, all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. 

Secondo le sue misurazioni, avallate dai tecnici del Parco nazionale e dal Reparto Carabinieri Parco, questi alberi potevano superare i 55 metri. Ricevuta la segnalazione, non appena l’emergenza Covid lo ha permesso, la Giant Trees Foundation ha organizzato una spedizione. Comandato dall’agronomo Andrea Maroè, conosciuto Tree Hunter internazionale, un apposito Team di arboricoltori-treeclimbers è giunto in questi giorni al santuario de La Verna per misurare in maniera scientifica i tre colossi più alti mediante Direct Tape Drop, cioè scalando gli alberi e misurandoli direttamente con una apposita cordella metrica di precisione. A tutt’oggi infatti, pur con la moderna tecnologia, nei boschi più fitti densi risulta difficile misurare con precisione da terra l’altezza di alberi alti più di 50 metri. Ospitati dal Guardiano Padre Francesco Brasa, curioso di capire i segreti della foresta di cui anche San Francesco si era innamorato, e guidati dallo stesso Frate Valerio che inizialmente li aveva misurati da terra mediante laser, i componenti della spedizione si sono arrampicati fino in cima ai tre abeti bianchi e li hanno attentamente misurati secondo normative riconosciute a livello internazionale. L’Abete cresciuto nella valletta denominata De Gasperi (in onore dello statista che nel 1952 proprio in quella valletta ha istituito la giornata nazionale della montagna) con una circonferenza di 4,25 metri è risultato essere alto “soli” 48,99 metri. Gli scalatori della GTF con stupore hanno constatato che già qualcun altro, oltre 70 anni fa era salito fin quasi sulla cima per recidere alcuni rami. È probabile che l’intervento fosse stato necessario proprio per mettere in sicurezza l’albero in previsione dello lo svolgersi della manifestazione voluta dall’allora presidente del consiglio. L’albero più giovane, di circonferenza pari a 3,91 metri a petto d’uomo è risultato essere alto 49,61 metri. Dei tre giganti misurati è l’unico che fino ad ora è riuscito a mantenere il proprio fusto integro, perfettamente diritto e affusolato. Il terzo albero è stato misurato nella valletta posta a poca distanza del sasso di frate Lupo di francescana memoria, a circa 1100 m sul livello del mare. Il suo fusto porta i segni di antichi fulmini e la sua punta si è dovuta ricostruire più volte negli ultimi 100 anni poiché spesso è stata spezzata da temporali o dai carichi della neve. La sua circonferenza è di 5,22 metri (quella dell’Avez del Prinzep era di “soli” 5,08) risultando ad oggi il più grosso abete bianco d’Italia, con un’età stimabile attorno ai 300 anni. Il suo fusto a 33 metri di altezza si divide in due grosse branche assurgenti che a loro volta, oltre i 45 metri si dividono in altre cime fino a formare quello che sembra un grosso nido di cicogna nella parte terminale. Il dottor Maroè si è inerpicato fino tra i fitti rami apicali per riuscire a individuare correttamente la cima più alta e con i suoi colleghi dopo notevoli fatiche è riuscito a determinare la misura precisa del “Nuovo Abetone”. 

L’albero infatti è risultato essere alto 51,85 metri ed è così il nuovo albero autoctono più altro d’Italia misurato in maniera scientifica, il 4° come specie dopo le Douglasie e le Sequoie americane che sono rapidamente cresciute anche nel nostro Paese.

“Questa scoperta rimarca ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, come una buona gestione forestale, improntata ai principi della conservazione e rispettosa del tempo degli alberi, permetta lo sviluppo di esemplari sani e di dimensioni ragguardevoli, e come il nostro Parco nazionale sia ricco di tesori ancora da scoprire, tesori che speriamo di studiare e tutelare sempre meglio anche grazie alla proficua collaborazione con la Giant Trees Foundation” ha dichiarato Alessandro Bottacci, direttore del Parco delle Foreste Casentinesi, mentre il Guardiano del Santuario, Padre Francesco Brasa, si è detto molto soddisfatto del ritrovamento: “Ringrazio i tecnici della Giant Trees Foundation che con cura e perizia si sono dedicati alla misura dei nostri giganti verdi. Questo primato è un ulteriore tassello che il nostro San Francesco ci ha donato, per far conoscere le straordinarie bellezze del Creato”. 

Anche il sindaco di Chiusi della Verna Giampaolo Tellini ha commentato così l’importante misurazione: “Questa nuova scoperta conferma ancora una volta l’importanza del nostro patrimonio forestale, che rappresenta a tutti gli effetti un tesoro immenso da proteggere e conservare. Il nuovo primato di quasi 52 metri dell’abete bianco di La Verna, ci fa sperare nella possibilità che in futuro ci saranno ulteriori scoperte e allo stesso tempo segna un nuovo aspetto del bosco da ammirare per tutti gli appassionati di natura, attratti dal richiamo spirituale e dal fascino unico delle nostre foreste sacre". 

Il team della Giant Trees Foundation onlus, oltre che dall’Agronomo Maroè era composto anche dal dott. Forestale Gianluca Barnabà, dal tecnico forestale Mattia Narduzzi e dallo studente Angelo Bardegi. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravi danni in Toscana per il maltempo. Alberi sradicati, strade allagate, auto distrutte. Evacuate 3 famiglie per il crollo di un ponteggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca