Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:05 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 05 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Audio - Dentro la macchina di Messina Denaro con la foto scattata da lui: «Sono fermo per sta commemorazione della m...»

Attualità domenica 26 agosto 2018 ore 21:38

La mareggiata ha distrutto le uova di tartaruga

Nella notte il nido sulla spiaggia di Santa Lucia è stato allagato dalla furia del mare. Inutile ogni tentativo, anche coraggioso, di proteggerlo



ROSIGNANO MARITTIMO — I volontari si sono dati da fare in ogni modo ma alla fine il mare, sospinto dal libeccio, ha raggiunto la covata di tartaruga caretta caretta e l'ha distrutta. Una brutta notizia per le numerose persone che sulla spiaggia di Santa Lucia si sono date il cambio, giorno e notte, nel tentativo di proteggere il nido e sperando di vedere presto le tartarughine sgusciare fuori per raggiungere il mare.

La notizia è stata data dall'associazione Tartamare, che comunque ipotizza una cessazione di attività vitale nelle uova ben prima di ieri.

"Purtroppo - hanno scritto - non è stato possibile fare nulla per le 85 uova deposte da una tartaruga marina nella notte tra il 8 e il 9 agosto sulla spiaggia di Santa Lucia nel Comune di Rosignano Marittimo. La camera del nido è stata completamente invasa dall'acqua a seguito della mareggiata di ieri che si è abbattuta sulla piccola baia con violenza riuscendo a spostare anche le reti elettrosaldate antipredazione. Le uova completamente immerse in acqua non erano vitali e probabilmente lo sviluppo embrionale si era fermato ben prima durante una mareggiata di minore entità verificatasi nei primi giorni dopo la deposizione. 

"TartAmare - hanno aggiunto dall'associazione - al momento del ritrovamento del nido, nella nota con la quale comunicava a Regione Toscana e agli altri organi competenti la presenza delle uova su quella spiaggia, aveva segnalato la necessità di traslocarle per garantirne la salvaguardia". 

"L'ispezione di oggi - hanno concluso - è stata condotta in collaborazione con Arpat e Acquario di Livorno. Ringraziamo ed elogiamo i volontari di WWF Livorno che, incuranti anche della propria incolumità, ieri hanno cercato di proteggere il nido dalle onde fino a quando il Corpo della capitaneria di porto - Guardia costiera non li ha allontanati per motivi di sicurezza e lo hanno sorvegliato di nuovo questa mattina fino al nostro arrivo. Grazie anche a Caretta Calabria Conservation per la consulenza scientifica e il supporto durante questa operazione



Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 47 anni è deceduto in seguito all'investimento di un cinghiale sulle strade del Mugello, inutili i soccorsi da parte del personale del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità