Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:52 METEO:FIRENZE14°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 18 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Guerra Russia-Ucraina, missione Novorossiya. Il progetto segreto di Putin

Attualità lunedì 20 aprile 2015 ore 18:46

Cna e Anci, un decalogo per appalti "puliti"

Dalle costruzioni al tessile ai trasporti, sindaci e artigiani chiedono norme più semplici e controlli più severi: "Fermiamo le infiltrazioni"



FIRENZE — Tra 2011 e 2014 in Toscana sono stati siglati 38.432 contratti per la fornitura di servizi o lavori pubblici dal valore di oltre 40 mila euro l'uno. Importo complessivo 21 miliardi e 687 milioni

Un vero e proprio "tesoretto" che non può che fare gola alle mafie che, come testimoniano i 4 casi assurti all'onore delle cronache tra il 2014 e l'inizio del 2015 a Pisa, Grosseto e Massa Carrara, si sono infiltrate anche nel sistema degli appalti pubblici toscani.

Da qui la scelta della Cna e dell'Anci Toscana di organizzare una tavola rotonda dal titolo "La Pubblica amministrazione, le imprese e la cultura della legalità", cui hanno partecipato il sottosegretario alla giustizia, Cosimo Maria Ferri, la presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi e il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo

"Nel pacchetto anticorruzione a cui sta lavorando il ministero della Giustizia - ha detto Ferri -, c'è la questione delle pene. Alzare le pene non risolve, ma certo è un segnale forte. Nel pacchetto anticorruzione permettiamo poi di patteggiare le pene e riti alternativi solo se restituisci la tangente o ciò che hai rubato". 

Non solo. "Il governo - ha proseguito il vice di Orlando -  sta lavorando sul versante della confisca dei beni che è un altro tema importante. C'è inoltre il falso in bilancio che è un aspetto molto sentito e che ci chiedevano da tempo le forze di polizia e magistratura".

Anci e Cna da parte loro si sono impegnati a realizzare azioni congiunte e definire focus specifici, ed in particolare a ''programmare l'attività formativa che interessi congiuntamente i Comuni della Toscana e le aziende associate a Cna Toscana ed organizzare attività formative e seminariali".

La Cna nei prossimi giorni metterà nero su bianco un decalogo insieme alla fondazione Caponnetto  per semplificare la legislazione in materia di edilizia, rafforzare i sistemi dei controlli, rafforzare l'Osservatorio regionale dei lavori pubblici e centralizzare le stazioni appaltanti. 

Ma anche per tutelare il Made in italy e combattere la contraffazione sia dei prodotti che delle professioni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Cosimo Ferri su legalità - Video
David Ermini su legalità - Video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ha sottratto la macchinetta dagli scaffali di un supermercato per poi nasconderla nella sua borsa. La pensionata è stata scoperta e denunciata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca