Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 18 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 28 gennaio 2021 ore 16:40

Covid, gli impianti di sci restano chiusi

Lo ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni Bonaccini: "Serve un provvedimento nazionale". Il ministro Boccia: "Obiettivo 15 Febbraio"



ROMA — Le restrizioni anti-Covid delle festività natalizie hanno portato a un rallentamento dei contagi in tutta Italia ma, per il momento, gli impianti sciistici devono restare chiusi e la data di un'eventuale riapertura resta quella prevista dall'ultimo Dpcm, il 15 Febbraio. Lo ha ribadito il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini. 

"Serve che cambi il provvedimento nazionale - ha dichiarato Bonaccini - perchè ci sono i protocolli, ne sono stati stilati anche di nuovi ma, al momento, non potrà riaprire nessun impianto. Se la curva scenderà, spero si possa vedere al più presto qualche novità".

Il ministro per gli affari regionali Francesco Boccia ha confermato che il governo sta lavorando con l'obiettivo di far riaprire gli impianti il 15 Febbraio. "Dobbiamo provare a costruire un percorso condiviso che consenta la riapertura con la massima sicurezza entro il termine del Dpcm in vigore" ha detto Boccia.

Il riferimento è alle nuove linee guida per la riapertura che sono state messe a punto dalla Conferenza delle regioni tenendo conto delle osservazioni del 15 Gennaio del Comitato tecnico scientifico.

"Ovviamente il testo ha un riferimento puntuale agli scenari introdotti dall'ultimo Dpcm, prevedendo la chiusura degli impianti delle regioni in zona rossa e un'apertura contingentata al 50% per quelle in zona arancione - ha spiegato il vicepresidente della Conferenza Giovanni Toti - Per le seggiovie è possibile la portata massima del 100% della capienza ma con l'obbligo di indossare la mascherina. Se le seggiovie hanno cupole paravento, la portata è ridotta del 50%. Capienza massima dimezzata anche per le cabinovie con obbligo di mascherine. Analogo limite è previsto anche per le funivie sia nella fase di salita che in quella di discesa, anche qui con le mascherine. Abbiamo aggiunto anche un numero massimo per gli skypass vendibili in un giorno. Altre puntualizzazioni riguardano le misure per evitare le aggregazioni di persone e per la gestione dei flussi, da attuare in stretto coordinamento con le regioni confinanti".

Vedremo se le linee guida proposte dalle regione saranno condivise anche dal governo. Di sicuro però, al momento, gli impianti restano chiusi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Controlli per il rispetto delle norme anti-covid. Le volanti della polizia sono intervenute intorno alle 21 nel locale, multe per tutti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità