Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:53 METEO:FIRENZE16°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 01 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La gioia incontenibile di Laura Pausini per il Golden Globe

Attualità domenica 06 dicembre 2020 ore 00:05

Toscana in zona arancione, si allentano le misure

Entrate in vigore le nuove regole. Riaprono i negozi che erano chiusi in zona rossa, si può circolare nel proprio Comune senza autocertificazione



FIRENZE — La Toscana dopo 23 giorni di zona rossa (in vigore dal 13 Novembre) torna in zona arancione con rischio Covid medio alto. Ancora lontana dalla tanto agognata zona gialla è pur sempre un passo avanti anche se per la diffusione molto elevata dell'epidemia e per l'affanno mostrato dai servizi sanitari regionali le restrizioni restano comunque stringenti.

Il ritorno in zona arancione lo prevede un'ordinanza firmata ieri dal ministro della Salute Roberto Speranza sulla base dei dati della Cabina di regia tenutasi venerdì.

Secondo il Dpcm di Natale dalla mattina di domenica 6 Dicembre anche in Toscana possono riaprire i negozi, con la possibilità di lavorare fino alle 21, fino al 6 Gennaio, in modo da contingentare gli ingressi e consentire a tutti di fare acquisti in sicurezza.

Nella giornata scorsa invece il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha firmato un'ordinanza (vedi articolo collegato) dove ha cercato di scavare varchi nelle maglie delle restrizioni Covid imposte dal Dpcm con alcune deroghe al divieto di spostamenti tra Comuni e autorizzando caccia e pesca.

Mentre si conferma il trend dei contagi in calo (nelle 24 ore ci sono 769 nuovi casi e oltre 3.400 guariti), con l'ordinanza regionale si potrà andare - restando in Toscana - nelle seconde case, a fare manutenzione delle imbarcazioni, negli orti, a funghi, oppure ad acquistare beni di consumo necessari se nei comuni intorno ci sono punti vendita che fanno prezzi più convenienti.

Il presidente Giani anche oggi ha ribadito il suo ottimismo sul fatto che la Toscana possa diventare zona gialla dal 13 Dicembre.

Concludendo, non ci resta quindi che attendere, indossando la mascherina, rispettando le distanze di sicurezza e memorizzando le nuove regole della zona arancione. Eccone, qui sotto, una sintesi (in neretto le novità).

- Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute autocertificati.

- Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all'altra e da un Comune all'altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all'interno del proprio Comune.

- Bar e ristoranti chiusi al pubblico 7 giorni su 7 ma con possibilità di restare aperti solo con il servizio di asporto, fino alle ore 22, e per la consegna a domicilio, in questo caso senza restrizioni di orario a parte la fascia del coprifuoco.

- Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.

- Chiusura di musei e mostre.

- Didattica a distanza per tutte le classi delle scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell'infanzia, scuole elementari e scuole medie. Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori.

- Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.

- Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

- Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Aperti i centri sportivi all'aperto ma con divieto di utilizzare gli spogliatoi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS