Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE12°18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Cronaca venerdì 26 maggio 2017 ore 17:10

Rifiuti, maxi-gara truccata, nuovo scontro M5S-Pd

La procura ha concluso l'inchiesta per turbativa d'asta in un appalto da 3,5 miliardi euro per la gestione dei rifiuti nell'Ato sud. Sei gli indagati



FIRENZE — Le indagini della Guardia di Finanza sono concluse e la procura conferma le ipotesi di accusa a carico dei sei indagati per la gara da 3 miliardi e mezzo di euro bandita dall'Ato Toscana sud per la raccolta e la gestione dei rifiuti nelle province di Siena, Grosseto e Arezzo, aggiudicata nel 2012 al raggruppamento di imprese Sei Toscana. 

La società è stata commissariata nel marzo scorso su richiesta dell'autorità anticorruzione di Raffaele Cantone.

Fra gli indagati l'ex direttore generale dell'Ato Andrea Corti, gli avvocati Valerio Menaldi e Tommaso D'Onza, i vecchi amministratori di Sei Toscana Marco Buzzichelli e Fabrizio Vigni (ex parlamentare del Partito Denocratico) e il commercialista Eros Giorgianni (vedi qui sotto articoli collegati).

Sulla vicenda è intervenuto oggi il consigliere regionale dei 5 Stelle Giacomo Giannarelli. "Una gara da 3,5 miliardi clamorosamente truccata e inquinata da conflitti di interesse e dalla corruzione nasce in un contesto normativo ed esecutivo con responsabilità politiche e amministrative chiare - ha dichiarato Giannarelli - Come M5S abbiamo scoperto che l'Ato Toscana sud manca di due atti fondamentali: il piano anticorruzione e la carta della qualità dei servzi, strumenti di controllo dei cittadini e della politica su questi servizi pubblici locali".

A Giannarelli ha replicato il capogruppo Pd in Consiglio regionale Leonardo Marras: "

“Non c’è nessun nesso fra l’inchiesta rifiuti e il PD e le accuse di Giannarelli sono buone solo ad uscire dall’angolo - ha scritto Marras in una nota - Giannarelli che tenta di distrarre l’attenzione dal caso Cantone tirando in ballo la questione rifiuti per gettare fango sul Partito democratico. Sulla vicenda dei rifiuti siamo i primi a pretendere giustizia e a conoscere la verità e le eventuali implicazioni sul contratto di servizio. I sindaci, molti dei quali sono del Pd, hanno richiesto il commissariamento e non hanno nulla da nascondere. Sono i primi a chiedere giustizia. Al M5S invece non è riuscita l'operazione di insabbiamento. È vero sono diversi da tutti gli altri. Sono senza scrupoli e dissimulano la realtà senza alcun disagio, con le facce di bronzo di chi dice una cosa e il giorno dopo, senza alcune vergogna, il contrario".

Enrico Cantone un ex consigliere regionale di M5S che si è dimesso nei giorni scorsi per non aver dichiarato al momento dell'elezione di possedere quote di due società con sede a Malta.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tre gravi incidenti in poche ore si sono verificati nella giornata di oggi, due nell'Aretino e uno nel Senese. Sono tutti e tre ricoverati in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità