Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità lunedì 03 luglio 2017 ore 14:20

Più strade e piazze toscane intitolate alle donne

strade e piazze dedicate alle donne, firmato protocollo tra Anci e Commissione Pari opportunità della Regione. Il rapporto con gli uomini è 100 a 8



FIRENZE — In Italia, in media per 100 strade intitolate a uomini, ce ne sono solo otto intitolate a donne. La situazione toscana non si discosta: a Firenze mille strade sono intitolate ad uomini, contro 71 a donne (l’ultima nel 2016 con piazzale Oriana Fallaci); ad Arezzo 140 contro 8; a Grosseto 372 contro 16; a Livorno 465 contro 29; a Lucca 248 contro 25; a Carrara 152 contro 8; a Massa 150 contro 25; a Pisa 579 contro 28; a Pistoia 294 contro 28; (a breve prevista una nuova intitolazione); a Prato 645 contro 50; a Siena 272 contro 21 (di cui 4 intitolazioni nel 2017). E c’è da sottolineare che la maggior parte delle intitolazioni a donne sono riferite a Madonne, a sante o benefattrici, e che esistono anche in Toscana Comuni dove non c’è alcuna intitolazione a figure femminili.

"Mi avevano detto che nella mia città, a Prato, su 695 nomi di strade e piazze solo 50 erano intitolate a donne. Non ci volevo credere: ma è proprio così. E dunque credo che questa intesa sia veramente necessaria, perchè la disparità di genere è netta e la società è ormai profondamente cambiata". Lo ha detto stamani il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni, in occasione della firma del protocollo tra l'Associazione dei Comuni e la Commissione regionale per le Pari opportunità, perché strade e piazze di città grandi e piccole della nostra regione vengano intitolate a figure femminili. L'accordo è stato siglato nella sede del Consiglio regionale da Biffoni e dalla presidente della Commissione Rosanna Pugnalini.

Il protocollo precisa che “le nuove intitolazioni non devono creare disagi ai cittadini né cambiare la numerazione civica esistente, ma dare vita e identità a spazi prima anonimi (vie traverse, parcheggi, larghi, giardini, aiuole, cavalcavia pedonali, rotatorie) che ogni amministrazione saprà individuare sul proprio territorio”.

Da parte sua, Anci Toscana si impegna perché i Comuni “si attivino per una più equa rappresentanza delle donne nei processi decisionali e adottino una politica di genere anche attraverso la odonomastica locale, prevedendo nei regolamenti comunali sulla toponomastica, in caso di nuove intitolazioni, di intestazioni al 'femminile'; prevedendo anche l’inserimento nelle commissioni di esperte nei vari ambiti che possano fornire utili spunti e suggerimenti”.

La Commissione Pari Opportunità si impegna a sollecitare che “nella realizzazione della apposita cartellonistica venga tenuto conto della recente normativa (legge 221 del 2012-decreto attuativo luglio 2016) per cui è necessario che non ci siano abbreviazioni né sigle né numeri, il nome preceda il cognome, siano presenti le date di nascita e di morte della persona in questione, siano chiaramente indicate la qualifica e il titolo (attrice, scrittrice, avvocata, scienziata, architetta, ecc.), nel caso di donne declinate correttamente in modo rispettoso del linguaggio di genere, come raccomandano ormai da anni l'Accademia della Crusca e le massime autorità italiane in campo linguistico”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravissimo incidente la notte scorsa, un ragazzo ha subito l'amputazione di entrambe le gambe. È ricoverato in prognosi riservata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità