Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:44 METEO:FIRENZE15°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord lancia missile verso il Giappone: le sirene d'allarme a Misawa

Attualità martedì 02 giugno 2020 ore 09:13

Sul sito Inps via libera alle domande per l'emersione del lavoro nero

E' stato attivato il servizio che consente di regolarizzare per sei mesi i rapporti di lavoro irregolari di braccianti, lavoratori domestici e badanti



FIRENZE — Dal primo giugno l'Inps ha attivato sul suo sito istituzionale il servizio per la presentazione on line delle istanze per l'emersione dei rapporti di lavoro irregolari, prevista dal Decreto Rilancio del 18 Maggio.

La norma è valida per i soli datori di lavoro dei seguenti settori produttivi: 

- agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse

- assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, ancorché non conviventi, affetti da patologie o disabilità che ne limitino l’autosufficienza; 

- lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

La procedura on line è sempre la stessa: si va sul sito dell'Inps, si clicca sul riquadro intitolato "Istanza per l'emersione di un rapporto di lavoro subordinato irreolare", si fa l'autenticazione e poi si accede al manuale per la compilazione della richiesta.

In pratica, presentando l'istanza, i datori di lavoro concludono il rapporto irregolare in corso con cittadini italiani e stranieri e ne avviano uno regolare. Sia i datori di lavoro che i lavoratori sono protetti da una sorta di scudo penale: la norma prevede infatti la sospensione dei procedimenti penali e amministrativi, anche se di carattere finanziario, fiscale, previdenziale o assistenziale, così come per l’ingresso e il soggiorno illegale nel territorio nazionale. 

Non possono invece presentare istanza di regolarizzazione i datori di lavoro condannati negli ultimi 5 anni per i reati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, assunzione di lavoratori stranieri privi di permesso di soggiorno; così come non possono essere regolarizzati i lavoratori colpiti da decreto di espulsione, considerati una minaccia per l'ordine pubblico oppure condannati per delitti contro la persona, traffico di droga, favoreggiamento della prostituzione o dell'immigrazione ed emigrazione clandestina e altri reati.

Per essere messi in regola inoltre i cittadini stranieri devono aver soggiornato in Italia prima dell'8 Marzo 2020, documentando la circostanza con una dichiarazione di presenza ai sensi della Legge 68/2007. Non si possono mettere in regola i cittadini stranieri che hanno lasciato l'Italia dopo l’8 marzo 2020.

Per quanto riguarda gli stranieri con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno, in virtù della norma contenuta nel decreto Rilancio possono richiedere un permesso di soggiorno temporaneo, valido solo nel territorio nazionale, della durata di sei mesi dalla presentazione dell’istanza.

Se, entro la durata del permesso di soggiorno temporaneo, il cittadino straniero esibisce un contratto di lavoro subordinato o la documentazione retributiva e previdenziale comprovante lo svolgimento dell’attività lavorativa nei settori dell’agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse, assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza, lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare, il permesso viene convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Qui sotto il testo integrale dell'articolo 103 del Decreto Rilancio


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A scoprire i corpi dei due, fiorentini, sono stati i carabinieri a seguito dell'allarme lanciato da una donna che non riusciva a contattarli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Monitor Consiglio

Cronaca