Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:20 METEO:FIRENZE18°29°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, crolla un palazzo di 12 piani: un bambino viene estratto vivo dalle macerie

Attualità martedì 19 gennaio 2021 ore 16:13

Toscana in giallo, ecco i musei statali che riaprono

l'Annunciazione del Beato Angelico

Dal 21 al 26 Gennaio porte aperte in 30 dei 49 musei, pinacoteche, aree archeologiche, giardini storici che fanno capo alla Direzione regionale



TOSCANA — Dal 21 al 26 Gennaio riaprono nei giorni feriali 30 dei 49 musei statali riuniti nella Direzione regionale musei della Toscana, regione attualmente classificata in zona gialla (non sono quindi compresi i musei a gestione autonoma come, ad esempio, le Gallerie degli Uffizi oppure i musei comunali).

“Un avvio parziale, solo nei giorni feriali, ma significativo e corale - ha spiegato Casciu - che restituisce al pubblico il piacere di ammirare innumerevoli capolavori, in un viaggio ideale tra epoche e stili, e l’opportunità di riscoprire con nuovi sguardi straordinari scrigni d’arte così vicini alle nostre comunità".

Sarà anche l’occasione per ammirare finalmente la nuova sala del Beato Angelico del Museo di San Marco, a Firenze, recentemente riallestita grazie al finanziamento di Friends of Florence e presentata finora solo in streaming.

Al Museo archeologico nazionale di Firenze riapre anche la mostra Tesori dalle terre d’Etruria. La collezione dei conti Passerini, Patrizi di Firenze e Cortona, inaugurata in Ottobre e subito chiusa a causa della pandemia. Per la prima volta dopo circa 150 anni è stata interamente riunita nei suoi nuclei principali la collezione archeologica che fu del conte Napoleone Passerini (1862-1951) e della sua famiglia. In mostra 293 reperti, fra i quali spiccano vasi ateniesi di grande qualità, alcuni con iconografie rarissime, e uno dei più antichi e più importanti vasi etruschi dell’intera produzione a figure rosse, un grande vaso per mescolare l’acqua e il vino utilizzato nei simposi dell’aristocrazia etrusca dell’Ager Clusinus, il territorio dell’antica Chiusi.

A Firenze e provincia, oltre al Museo di San Marco e al Museo archeologico, riapriranno anche il Parco di Villa il Ventaglio, il Giardino della Villa medicea di Castello, Villa Corsini a Castello e la Villa medicea di Cerreto Guidi.

Nella provincia di Arezzo riaprono le porte il Museo delle Arti e Tradizioni popolari dell'Alta Valtiberina - Palazzo Taglieschi ad Anghiari, l’abbazia di S.Salvatore a Soffena a Castelfranco Piandiscò e l’area archeologica del Sodo a Cortona, mentre ad Arezzo, da lunedi 25 Gennaio, riaprono il Museo Archeologico Nazionale G. C. Mecenate e il Museo di Casa Vasari, al 26 gennaio invece la Basilica di San Francesco e il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna.

In provincia di Grosseto sempre dal 21 riaprono l’area archeologica di Roselle, l’area archeologica di Vetulonia a Castiglione della Pescaia e il museo archeologico nazionale e Antica Città di Cosa a Orbetello.

In provincia di Livorno saranno nuovamente visitabilii i musei nazionali delle residenze napoleoniche (Palazzina dei Mulini e Villa di San Martino) a Portoferraio e il museo archeologico nazionale di Castiglioncello.

A Lucca il museo Nazionale di Villa Guinigi e il museo nazionale di Palazzo Mansi.

A Pisa e provincia il museo nazionale di Palazzo Reale e la Certosa Monumentale di Calci.

A Pistoia e provincia la Fortezza di Santa Barbara, l’Ex Chiesa del Tau, l’Oratorio di San Desiderio e il museo nazionale di Casa Giusti a Monsummano Terme (PT).

In provincia di Prato la villa Medicea di Poggio a Caiano e l’area archeologica di Montefortini e Boschetti a Comeana (Carmignano).

A Siena e provincia la Pinacoteca Nazionale, Villa Brandi, il Museo Nazionale Etrusco di Chiusi e l’Eremo di San Leonardo al Lago a Monteriggioni.

Le riaperture avverranno nel rispetto di tutte le norme di sicurezza già previste dai protocolli anti-Covid.

I consueti orari, le date di apertura e le modalità di ingresso potranno subire variazioni che saranno sempre aggiornate sul sito www.polomusealetoscana.beniculturali.it per consentire al pubblico di programmare al meglio la visita.

In linea con i protocolli per la prevenzione del contagio da Covid-19, nei musei sarà ovunque obbligatorio indossare la mascherina, anche all'aperto, e mantenere il distanziamento interpersonale.

L’ingresso in alcuni casi è esclusivamente con prenotazione obbligatoria e/o limitato a un numero massimo di visitatori.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il piccolo si trovava in un dirupo a 3 chilometri da casa. E' in buone condizioni. Un giornalista ha sentito un lamento e ha chiamato i carabinieri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS