Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:44 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Attualità giovedì 15 aprile 2021 ore 15:56

L'acqua clorata uccide il Covid in 30 secondi

Lo dimostrano i primi risultati di una ricerca dell'Imperial College di Londra, commissionata dall'ente goverativo Swim England



LONDRA — In questi giorni infuria il dibattito sulla riapertura, a partire dal mese di Maggio, delle attività chiuse per contenere l'epidemia di Covid, compresi gli impianti sportivi. La Conferenza delle Regioni oggi ha proposto al governo una serie di linee guida su cui il confronto è aperto.

E proprio in materia di riapertura di piscine è arrivata dalla Gran Bretagna la notizia che i primi risultati di una ricerca condotta dagli studiosi dell'Imperial College di Londra hanno dimostrato che il cloro inattiva il SarsCov2 in circa 30 secondi, rendendo difficilissima la trasmissione del contagio nelle piscine, piene di acqua clorata.

La ricerca ha valutato l'impatto del cloro sul nuovo coronavirus mescolandolo ad acqua con diverse concentrazioni di cloro. E quando la concentrazione è arrivata a 1,5 milligrammi per litro con un ph fra 7 e 7,2, l'infettività del virus è stata abbattuta di mille volte in mezzo minuto.

La ricerca deve essere ancora sottoposta a revisione ma Jane Nickerson, amministratrice delegata dell'ente governativo che l'ha commissionata, lo Swim England, ha dichiarato che "i risultati supportano l'ipotesi che le piscine siano ambienti sicuri se si adottano le misure appropriate". "E' una notizia fantastica per gli operatori, i nostri membri e club, per i nuotatori e per coloro che fanno affidamento sull'acqua per restare fisicamente attivi" ha detto Nickerson.

In Italia le ultime linee guida emanate dal governo per il funzionamento degli impianti sportivi prevedevano un distanziamento di due metri per i frequentatori delle palestre e addirittura di 3 metri, in acqua, per i nuotatori, anche se c'è il cloro. Forse sarebbe il caso di rifletterci sopra.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cluster è scoppiato nel Chianti dopo i festeggiamenti di un matrimonio. Decine di persone in quarantena. A renderlo noto il sindaco Baroncelli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca