Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 30 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
I consigli estetici di De Luca a Bonaccini: «Lo voto, ma spunti quella barba e si tolga gli occhiali a goccia»

Cronaca mercoledì 20 luglio 2016 ore 09:20

Pedofilia, gli abusi e le torture online

La polizia ha sequestrato centinaia di migliaia di file pedopornografici scambiati online. Arresti tra Firenze, Trapani, Agrigento e Palermo



FIRENZE — Sono stati otto gli arresti, 13 le denunce, e 21 perquisizioni, che hanno portato gli investigatori della polizia postale a sequestrare centinaia di migliaia di file audio e video tra Firenze, Palermo, Trapani e Agrigento. Questo il bilancio dell'indagine contro la pedofilia on line conclusa dalla Polizia Postale.

Gli arrestati vivono tre in provincia di Palermo, due in provincia di Firenze e gli altri tre nelle province di Milano, Trapani e Agrigento e sono stati bloccati mentre si scambiavano in rete immagini e video di violenze sessuali su bimbi, in alcuni casi di pochi anni. 

Gli arrestati sono un vigile del fuoco di 34 anni, un 54nne disoccupato, un infermiere di 58 anni, un 61enne impiegato comunale, uno studente di 21 anni, un docente 60enne addetto a compiti amministrativi, un elettricista di 63 anni e un pensionato di 62. 

Le indagini, condotte dal Compartimento Polposta di Palermo con il coordinamento del servizio polizia postale.

Il Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia on line della polizia postale e delle comunicazioni di Roma, provvedera' all'identificazione delle vittime avvalendosi dell'accesso diretto all'International child sexual exploitation, database delle immagini pedopornografiche presso l'Interpol di Lione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno