Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:40 METEO:FIRENZE24°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»

Attualità sabato 01 aprile 2023 ore 18:55

Superbonus e cessione crediti, edili in piazza

Tanti i lavoratori del comparto edile toscano alla manifestazione a Roma per la mobilitazione Fillea Cgil-Feneal Uil sul settore costruzioni​



ROMA — La Toscana con delegazioni da ogni provincia, era a Roma, zona don Bosco, insieme alla Cgil Toscana per la mobilitazione di Fillea Cgil e Fenal Uil contro l’applicazione del decreto 11/2023.

I sindacati hanno manifestato "contro il blocco della cessione dei crediti per i bonus edili a discapito dei i redditi più bassi e per dire no alle nuove norme del Codice degli appalti che riducono gli obblighi di applicazione dei contratti collettivi nazionali edili e introducono la liberalizzazione dei subappalti a cascata con conseguenze pesanti su occupazione, sicurezza dei lavoratori, qualità del lavoro e sostenibilità".

Le richieste: mantenere la cessione dei crediti per famiglie meno abbienti, condomini di periferia, case popolari; applicare Contratto nazionale e Durc, combattere i subappalti infiniti.

La segretaria generale di Fillea Cgil Toscana Alessia Gambassi “Le scelte sbagliate del Governo in Toscana mettono a rischio 10mila posti di lavoro oltre a legalità e sicurezza. Oggi, con questa mobilitazione, parte un forte messaggio verso l’esecutivo: nelle costruzioni, su appalti, sicurezza e sostenibilità serve una forte inversione di marcia. Intanto bisogna mantenere la cessione dei crediti per le famiglie con Isee fino a 30mila euro, i condomini di periferia, le case popolari; attuando politiche industriali stabili e strutturali per la rigenerazione delle città, con la riduzione degli sprechi energetici e dell’inquinamento, vietando il subappalto all’infinito, investendo per la sicurezza sul lavoro. Servono vincoli stringenti sull’obbligo di applicare e rispettare i contratti collettivi nazionali, migliorando le previsioni del nuovo Codice degli Appalti contro ogni forma di dumping contrattuale, lavoro irregolare, infiltrazioni criminali".

“Migliaia di persone a Roma, altrettante a Torino, Palermo, Napoli e Cagliari. In centinaia dalla Toscana per dire a questo Governo ‘Fai la cosa buona’ - ha detto il segretario Generale Feneal Uil Toscana Daniele Battistini -. Grazie alle lavoratrici, ai lavoratori, ai giovani e ai pensionati che stamani ci hanno accompagnato, la risposta delle piazze a questo appello è stata forte e chiara: ora sta alla politica fare le scelte giuste, è in gioco il futuro di questo comparto, il futuro del nostro Paese". "Oggi siamo in piazza a Roma per sostenere la mobilitazione di Feneal e Fillea contro scelte ingiuste del governo su superbonus e codice degli appalti - dichiara il Segretario Generale UIL Toscana Paolo Fantappiè - Scelte che mettono a rischio, solo in Toscana, circa 10mila posti di lavoro. Per questo è importante essere qui, per salvaguardare uno dei settori trainanti del Paese. È inaccettabile che a pagare per scelte sbagliate siano sempre i lavoratori. Dobbiamo respingere con forza la proliferazione dei subappalti e dell’aumento del tetto per gli affidamenti diretti dei lavori che potrebbero permettere il proliferare di attività illecite da parte della malavita organizzata”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno