comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°27° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Autostrade, la famiglia Benetton accetta le condizioni del governo

Attualità mercoledì 27 maggio 2020 ore 07:44

Sieroprevalenza anti-Covid, ecco dove si fanno i prelievi in Toscana

Indagine sierologica nazionale: sono 20 i centri prelievo presso i comitati locali della Croce Rossa. Come viene garantito l'anonimato a chi partecipa



TOSCANA — In Toscana sono esattamente 6.256 i toscani selezionati dall'Istat per l'indagine sierologica contro il Covid-19 avviata questa settimana dal Ministero della Salute su 150mila cittadini italiani con l'obiettivo di individuare il maggior numero possibile di persone infettate dal Covid ma asintomatiche.

In Toscana l'operazione è realizzata attraverso i volontari della Croce Rossa e ogni persona selezionata che accetta di prendere parte all'indagine viene sottoposta al test sierologico, in pratica il semplice prelievo di una goccia di sangue in cui vengono cercati gli anticorpi contro il Covid.

Questi i comitati locali della Croce Rossa in cui sono stati attivati i centri prelievo:

- Comitato Regionale della Toscana

- Massa

- Prato

- Pisa - Unità Territoriale di San Giovanni alla Vena

- Pontasserchio

- Ponte a Egola

- Castelfranco di sotto

- Arezzo

- Bagni di Lucca

- Villa Basilica

- Donoratico

- Firenze

- Bagno a Ripoli

- Rignano sull'Arno

- Empoli

- Certaldo

- Grosseto,

- Follonica,

- Ribolla

- Costa d'Argento

Gli oltre seimila toscani selezionati vengono contattati telefonicamente con una chiamata dal numero 06 5510.

I comitati di Croce Rossa che sono stati individuati come operatori telefonici in Toscana sono i seguenti: Bagni di Lucca. Bagno a Ripoli, Castelfranco di Sotto, Donoratico, Firenze, Grosseto, Livorno, Massa, Pisa, Pontasserchio, Pontedera, Scarlino, Strada Chianti e Vernio.

Se i cittadini contattati accettano di sottoporsi al test, viene fissato un appuntamento per il prelievo del sangue in uno dei laboratori selezionati. Il prelievo potrà essere eseguito anche a domicilio se il soggetto è fragile o vulnerabile. Al momento del contatto verrà anche chiesto di rispondere a un questionario predisposto da Istat, in accordo con il Comitato tecnico-scientifico che supporta il governo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.

E' la Regione Toscana a comunicare l’esito dell’esame a ciascun partecipante. In caso di diagnosi positiva, l’interessato viene messo in temporaneo isolamento domiciliare e contattato dal Servizio sanitario regionale o dalla Asl per effettuare un tampone naso-faringeo che verifichi l’eventuale stato di contagiosità.

"La riservatezza dei partecipanti sarà mantenuta per tutta la durata dell'indagine" si legge in una nota della Croce Rossa. 

A tutti i soggetti che partecipano, sarà assegnato un numero d’identificazione anonimo per l'acquisizione dell’esito del test. 

"Il legame di questo numero d’identificazione con i singoli individui sarà gestito dal gruppo di lavoro dell’indagine e sarà divulgato solo agli enti autorizzati" spiega ancora la Croce Rossa.

"Gli esiti dell’indagine, diffusi in forma anonima e aggregata, potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici e per l’analisi comparata con altri Paesi europei - conclude la Croce Rossa - Per ottenere risultati affidabili e utili è fondamentale che le persone selezionate per il campione aderiscano. Partecipare non è obbligatorio, ma conoscere la situazione epidemiologica nel nostro Paese serve a ognuno di noi".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca