Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:40 METEO:FIRENZE17°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanchez: «Draghi un maestro, quando parla lui in Consiglio europeo stiamo tutti zitti e ascoltiamo»

Attualità venerdì 23 gennaio 2015 ore 11:13

Angela e Matteo all'ombra di Michelangelo

Servizio di Francesco Sangermano

Spettacolare scenografia per il presidente del consiglio italiano e la cancelliera tedesca. Merkel: "Il vertice a Firenze un'esperienza magnifica"



FIRENZE — La conferenza stampa congiunta Renzi-Merkel nella Galleria dell'Accademia è cominciata con qualche minuto di ritardo, sui palchetti allestiti sotto il David, probabilmente lo sfondo più bello del mondo per una conferenza stampa istituzionale.

Il premier, in abito scuro, ha preso la parola per primo. "Tutti i cambiamenti a livello europeo non devono fermare le riforme che i paesi stanno facendo - ha detto - L'italia sta facendo un piano di riforme straordinario, sta cambiando e non perchè ce lo chiede uno stato europeo ma perchè è giusto. Noi siamo l'Europa e ringrazio Angela per aver fatto di questo incontro una occasione di scambio di cultura".

"Abbiamo parlato dettagliatamente dell'agenda Renzi - ha dichiarato invece Angela Merkel, in giacca celeste - E' un percorso di riforme molto ambizioso.  Si percepisce che non si fa questo perchè lo dice Bruxelles ma perchè è importante per i giovani e per creare lavoro. Ovviamente ci sono resistenze politiche ma auguro a te, Matteo, ogni successo e credo che queste riforme avranno presto effetto. Anche la riforma della pubblica amministrazione è importante. Ho parlato con imprenditori tedeschi e sono convinti che quello che stai mettendo in piedi avrà effetti positivi su lavoro e imprese".

La cancelliera tedesca ha ringraziato il premier per la visita a Firenze.

"Grazie per l'invito in questa città che ha influenzato tanto anche la tua carriera - ha detto Merkel - E' stata un'esperienza magnifica".

Quando Renzi ha ripreso la parola, ha ribadito che la legge elettorale e la riforma della pubblica amministrazione sono importanti ma, a suo avviso, ancora di più lo è la scuola. "Su questo non arretremo di un centimetro e anzi metteremo il turbo per accellerare  il più possibile - ha assicurato il presidente del Consiglio - Per tutto il 2015 non guarderemo i sondaggi ma andremo dritti spediti. Sono sicuro che, in poche settimane, in pochi mesi, porteremo le riforme a compimento".

E infine, rivolgendosi ad Angela Merkel: "Sa cosa cosa disse Michelangelo quando realizzò questo capolavoro? Ho solo tolto il marmo in eccesso". "Anche l'Italia non ha bisogno  di chissà cosa - ha concluso Renzi - Deve solo togliere quello che ha in eccesso".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vittima è un giardiniere di 57 anni. A trovare il corpo senza vita vicino alla legna da tagliare è stato un vicino di casa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca