Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:01 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 29 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Juve, Agnelli si dimette dopo 12 anni: 8 scudetti, l'acquisto di Ronaldo, le inchieste, il rosso in bilancio

Attualità giovedì 19 ottobre 2017 ore 15:29

Calamità naturali, bimbi promossi e prof bocciati

I piccoli toscani sono preparati meglio degli adulti ad affrontare alluvioni e terremoti. Lo dice la ricerca della Regione sulla sicurezza a scuola



FIRENZE — I bambini toscani sono più bravi degli adulti a difendersi in caso di alluvione o terremoto. Lo dicono i dati della ricerca presentata a Firenze nell'incontro sulla sicurezza idrogeologica a scuola ospitato dall'aula magna del rettorato dell'Università di Firenze e giunto alla quarta edizione. Un lavoro che ha coinvolto il Dipartimento di Scienze della Terra, Inail, Regione Toscana e Ufficio scolastico regionale per trovare soluzioni che garantiscano la sicurezza di alunni, insegnanti e personale delle scuole toscane, minimizzando l'impatto delle calamità naturali e riducendo il più possibile i rischi di infortuni sul lavoro. Perché il primo rimedio è la prevenzione.

"E' necessario fare un passo in avanti in tutto il nostro Paese per garantire la sicurezza dal punto di vista idrogeologico perché si tratta di un territorio fragile e soggetto a calamità naturali - ha detto l'assessore regionale a istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco - occorre passare dalla gestione dell'emergenza del post evento a una cultura della prevenzione a partire dalle costruzioni fino alla sicurezza insegnata nelle scuole".

L'indagine presentata a Firenze ha preso in considerazione quindici scuole costruite nelle zone a maggior rischio sismico o vicino ai fiumi per testarne la resilienza, cioè la capacità e consapevolezza nell'affrontare i rischi di calamità naturale. E dai questionari sottoposti a insegnanti e alunni è arrivata la sorpresa: "Buffo a dirsi ma i bambini ne sanno molto di più, hanno preso molto seriamente il questionario rispondendo correttamente alle domande proposte - ha rilevato Nicola Casagli, docente ordinario di geologia applicata all'Università di Firenze - un po' peggio gli insegnanti!"

Non a caso tra le novità della quarta edizione del progetto c'è anche un corso a distanza per l'educazione sui rischi geologici rivolto agli insegnanti. Intanto il lavoro presentato a Firenze ha prodotto suggerimenti importanti per coordinare, in caso di calamità, le misure previste dai piani di sicurezza dei singoli edifici e i piani comunali di protezione civile. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

SERVIZIO - SICUREZZA IDROGEOLOGICA, A SCUOLA I PIU' BRAVI SONO I BAMBINI
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono scattate ricerche a tappeto per ritrovare un uomo di cui non si ha più notizia. In campo vigili del fuoco e volontari, unità cinofile e droni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità