Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE24°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'attacco al centro commerciale di Kremenchuk visto dalle telecamere di sorveglianza

Attualità giovedì 02 giugno 2022 ore 18:50

Festa della Repubblica e onorificenze in Toscana

Consegnate le Onorificenze dell’Ordine al Merito per benemerenze nella vita lavorativa, in attività a fini umanitari o per servizi civili e militari



FIRENZE — La Toscana ha celebrato il 76° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana.

“Il 2 Giugno è il giorno in cui ricordiamo le prime elezioni dopo il ventennio che diedero a questo nostro Stato la scelta della Repubblica e la scelta di un'Assemblea Costituente che poi ha prodotto una Costituzione che ancora oggi ispira i nostri comportamenti e valori della comunità” lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, che ha partecipato alla tradizionale cerimonia di deposizione della corona ai Caduti di tutte le guerre a Firenze, in piazza dell’Unità Italiana, insieme alle altre autorità e con il Gonfalone della Regione Toscana.

“Un 2 Giugno che presenta caratteristiche di liberazione: la gente ha voglia di uscire di muoversi. È bello vedere queste manifestazioni con tanta partecipazione popolare anche perché il significato è profondo. È indubbio che il Covid c'è, però da 12 settimane è sempre più calante e onestamente tutto lascia presagire, andando verso la stagione calda, che per un po' non avremo i problemi che purtroppo abbiamo vissuto in questo anno e mezzo. Quindi approfittiamo anche per rigenerare un po' il nostro spirito di comunità”. Una Festa della Repubblica che quest’anno si celebra mentre è in corso una guerra nel cuore dell’Europa.
“Dobbiamo affrontare la crisi della guerra in Ucraina con spirito di solidarietà - ha detto sempre Giani - essendo consapevoli che proprio la Costituzione che venne dal 2 giugno del 1946 ci impone di considerare i diritti di libertà, di autodeterminazione dei popoli, di democrazia, non negoziabili”.

Il presidente Giani ha partecipato successivamente anche alla seduta solenne del Consiglio comunale a Firenze in piazza della Signoria, durante la quale è stato consegnato il premio "Firenze 2020" al sistema di Protezione civile.

A Firenze in Piazza dell’Unità d’Italia la deposizione della Corona in onore ai Caduti, alla presenza delle principali autorità cittadine. Successivamente è stato letto il messaggio del Presidente della Repubblica, che ha evidenziato la necessità che tutti i rappresentanti pubblici accrescano il proprio spirito di servizio, soprattutto a fronte delle complesse sfide da affrontare, dall’emergenza pandemica alle crisi internazionali, aggravate dal protrarsi del conflitto in Ucraina. 

Il Presidente ha sottolineato il ruolo cruciale dei prefetti in quanto “interlocutori essenziali del sistema delle autonomie e della società civile”. Il prefetto di Firenze, Valerio Valenti, ha detto “Lo sforzo collettivo che siamo chiamati a fare per la ripresa economica e per riconquistare quegli spazi di libertà così improvvisamente ristretti dalla contingenza, dapprima della necessità di tutelare il bene primario della salute pubblica ed oggi di una incertezza economica causata da una guerra assurda e inaccettabile, deve infatti fondarsi sulla coscienza della stretta interdipendenza delle nostre azioni. Come sempre la storia ci insegna che le crisi offrono l’opportunità di ripensare il nostro futuro e quello dei nostri figli in modo nuovo”. “Possiamo e dobbiamo allora essere positivi pensando con fiducia al futuro, non fosse altro perché questa propulsione al rilancio del Paese è una funzione che nel corso della nostra storia repubblicana abbiamo già svolto. Sono, infatti, questi principi, che così come hanno consentito al Paese di rialzarsi dopo il disastro bellico, debbono costituire il volano della nuova ripartenza”.

Successivamente in Piazza della Signoria il Consiglio Comunale di Firenze ha conferito alla prefettura l’onorificenza “Firenze 2020” quale riconoscimento per l’egregio lavoro di coordinamento di tutte le componenti della Protezione Civile svolto durante l’emergenza sanitaria.

Le celebrazioni sono proseguite nel pomeriggio al Cinema La Compagnia dove, in occasione dell’evento “I giovani incontrano la Costituzione”, i ragazzi intervistati hanno espresso le proprie riflessioni in merito alle problematiche connesse alla concreta attuazione di alcuni diritti fondamentali della nostra Carta Costituzionale. Si è parlato di lavoro, con particolare attenzione al tema delle opportunità che oggi il mercato offre ai giovani, alla parità tra i sessi e alle ripercussioni che l’evoluzione tecnologica comporta nel mondo del lavoro. Sono state anche affrontate tematiche quali l’importanza della scuola e della formazione in generale, nonché gli interventi utili per renderne effettivo l’accesso a tutti. Non è mancato un momento di confronto su un tema quanto mai attuale quale il diritto alla salute e le conseguenze legate all’emergenza sanitaria, con particolare riguardo alla compressione di alcune libertà fondamentali del cittadino attuata nel corso della pandemia.

A seguire sono state consegnate le Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferite dal Capo dello Stato a coloro che si sono distinti per aver acquisito benemerenze nella propria vita lavorativa, in attività svolte a fini sociali e umanitari o per i lodevoli servizi svolti nelle carriere civili e militari.

Ecco l'elenco degli insigniti:

Cavaliere Sig. Silvano Bartalesi

Volontario per vocazione, chiaro esempio di cittadino ricco delle più belle virtu’ umane, esemplare per il fortissimo impegno profuso nell’aiutare il prossimo e la comunità, ha dato il suo prezioso contributo e messo a frutto la propria esperienza, ottenendo apprezzamento dalle Pubbliche Istituzioni e dalle varie Confraternite appartenenti al movimento delle Misericordie. I suoi pregi sono stati premiati, elogiati e tenuti come esempio per le nuove leve che si affacciano al mondo del volontariato.

Cavaliere Sig.ra Francesca Paola Buccheri

Affidabile e riservata, si è distinta per avere sempre manifestato un fortissimo senso di responsabilità sul lavoro, profondendo continuamente massimo impegno e dimostrando un’ammirevole dedizione nel servizio prestato, con costanza e determinazione. Sempre disponibile e collaborativa nei confronti dei colleghi e dei dirigenti con cui ha lavorato sia in Prefettura sia presso la Direzione Investigativa Antimafia di Firenze.

Cavaliere Dott.ssa Pasqualina Nappi

Persona dallo straordinario spessore culturale, negli anni di servizio ha dimostrato autentica e profonda dedizione, spiccando per il suo indiscusso senso etico e professionale. Dotata di notevoli competenze in ambito artistico-musicale che l’hanno portata a svolgere attività concertistica, nazionale e internazionale, si è anche distinta per la pregevolissima collaborazione in varie attività di docenza universitaria in materie giuridiche. Prima dipendente civile donna nella lunga storia del prestigioso Istituto di Scienze Militari Aeronautiche di Firenze, nel 2016 ha conseguito il diritto a fregiarsi del titolo ISSMI presso il Centro Alti Studi della Difesa di Roma.

Cavaliere Dott. Franco Petrilli

Luogotenente C.S. dei Carabinieri in quiescenza, arruolato nell’arma il 16 settembre 1981, nel corso della carriera ha prestato servizio presso numerosi uffici tra i quali la Sezione Carabinieri Anticrimine di Firenze e da ultimo presso la Direzione Investigativa Antimafia di Firenze, distinguendosi per l’impegno sempre profuso e il lodevole senso di responsabilità verso le istituzioni presso cui ha operato. Ha conseguito la Croce d’Argento e d’Oro per anzianità di servizio militare.

Cavaliere Sig.ra Graziana Riccetti

Insegnante in quiescenza, apprezzata non solo per la sua preparazione, ma anche per le sue grandi doti umane, ha profuso un appassionato impegno verso il prossimo. Protagonista di un atto di generoso altruismo in memoria dei due figli prematuramente scomparsi, ha donato all’ASL n.1 umbra un casolare, rinominato “la Torretta di Marcello e Paola”, per destinare la struttura all’attività svolta dal “Centro per i disturbi alimentari Palazzo Francisci” di Todi.

Cavaliere Dott.ssa Francesca Sarocchi

Attualmente Direttore Coordinatore speciale logistico gestionale, in servizio al Comando dei Vigili del Fuoco di Prato, spicca per il suo impegno in attività di interesse sociale anche presso l’ospedale pediatrico Mayer di Firenze. Oltre alle indubbie capacità professionali manifestate durante gli anni di servizio, si è particolarmente distinta nel 2018 per aver preso parte ad una Task Force istituita dal Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco per garantire massima funzionalità delle attività connesse alle competenze economiche del personale di tutti i comandi provinciali della Toscana.

Cavaliere V. Brig. CC. Dott. Romeo Tortora

Attualmente in servizio presso il 6° Battaglione Carabinieri Toscana, in virtu’ del suo impegno, del forte senso del dovere e delle qualità professionali dimostrate negli anni di carriera, ha conseguito numerosi riconoscimenti quali la Croce d’Argento per i 16 anni di anzianità di servizio militare, il Nastrino di Merito per il personale delle Forze Armate impiegato nell’emergenza covid-19, la Croce Commemorativa conferita dal Ministero della Difesa per la “Missione di pace in Somalia”, il Diploma di Benemerenza con Medaglia per operazioni di soccorso in popolazioni colpite da pubblica calamità.

Ufficiale Ten. Col. Francesco Motta

Insegnante aggiunto di Tecniche Investigative presso la Scuola Allievi Marescialli e Brigadieri di Firenze, già investito del titolo di Cavaliere della Repubblica, titolare di Medaglia d’Oro al merito di lungo comando, Croce d’Oro per anzianita’ di servizio, Croce con Spade al Merito Melitense del Sovrano Militare Ordine di Malta, ha ottenuto anche riconoscimenti per i brillanti risultati conseguiti, quale Comandante di Nucleo Operativo di Comando Provinciale, in importanti operazioni di polizia giudiziaria, emergendo per le sue spiccate qualità professionali, esemplare intuito investigativo e un profondo senso del dovere.

Ufficiale Ten. Col. Dott. Renato Giuseppe Saitta

Già Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal 27 dicembre 2008, dal 2019 è Comandante della Compagnia Carabinieri di Signa. Si è distinto, sin dalle prime fasi dell’emergenza epidemiologica da covid-19, per particolare altruismo e spirito di sacrificio, lavorando in sinergia con il Comune, volontariato, parrocchie ed altre Istituzioni territoriali. Ha garantito alla comunità un clima di sicurezza e protezione riconosciuti sia dai cittadini che dalle Istituzioni presenti sul territorio.

Commendatore Dott. Maurizio Francini

Già Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal 27 dicembre 2018, ricopre diversi incarichi in ambito sportivo, tra i quali quello di Responsabile del Centro Tecnico Federale di Coverciano “FIGC”. Si è distinto per i numerosi risultati conseguiti nello svolgimento della sua attività sempre volta ad esaltare i valori dello sport, creando le condizioni affinchè il calcio e i suoi protagonisti fossero parte del tessuto cittadino e nazionale in tutte le sue espressioni. Pregevole il contributo offerto nel corso della pandemia poichè ha adattato in covid-hotel la struttura alberghiera del Centro Tecnico Federale di Coverciano, di cui è responsabile.

Commendatore Dott. Luca Salimbeni

Già Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal 2 giugno 2017, medico specialista in dermatologia. Nel corso degli anni, con profondo senso di responsabilità, competenza e costante disponibilità, ha saputo sviluppare campagne di prevenzione oncologica, ottenendo eccezionali risultati. Ha sempre cooperato a titolo gratuito con la Guardia di Finanza con grande capacità professionale, buon senso e precisione. Dall’inizio dell’emergenza pandemica ha esercitato l’attività di chirurgia oncologica presso gli Ambulatori della Misericordia di Firenze e presso il Centro Antitumori per pazienti in necessità urgente.

Gli insigniti sono residenti nella provincia di Firenze, e in particolare nei Comuni di Fiesole (Maurizio Francini), Figline e Incisa Valdarno (Francesco Motta), Firenze (Francesca Paola Buccheri, Pasqualina Nappi, Franco Petrilli, Graziana Riccetti, Francesca Sarocchi, Romeo Tortora e Luca Salimbeni), Scandicci (Silvano Bartalesi). Un insignito (Renato Giuseppe Saitta) è residente a Marino (RM) e domiciliato a Signa (FI).

La cerimonia si è infine conclusa con la consegna delle Medaglie d’Onore che il Presidente della Repubblica concede ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti.

Elenco degli insigniti con la Medaglia d’Onore:

Angelo Bolici, deportato dal 08/09/1943 al 23/10/1945 e internato presso Stalag I- F, Sudauen in Germania;

Primo Guerinoni, deportato dal 09/09/1943 al 08/05/1945 e internato presso Stammlager XVII-A, Kaisersteimbrucd e Stammlager III-A, Luckenwalde in Germania;

Mario Nuti, deportato il 18/07/1943 e internato presso Senftenberg in Germania;

Paolo Scotti Fantoni, deportato dal 08/09/1943 al 14/05/1945 e internato un campo di concentramento in Germania.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Arrivano i temporali ma resta l'allerta per le alte temperature. Forti piogge e raffiche di vento sul nord-ovest e sulle coste centro meridionali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Cronaca

Cronaca

Cronaca