Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 07 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Morabito, chi è l'ambasciatore «nobile» della ‘ndrangheta

Attualità martedì 28 dicembre 2021 ore 21:40

Omicron, la variante dello starnuto

I sintomi più diffusi che si manifestano all'inizio del contagio sono diversi da quelli generati dalle altre varianti del Covid-19



TOSCANA — La comunità scientifica ancora non si sbilancia più di tanto sulla pericolosità della variante Omicron del SarsCov2 perchè la casistica è ancora limitata e occorre fare le debite distinzioni fra gli effetti provocati sui no-vax e sui vaccinati. Tuttavia l'osservazione empirica di coloro che hanno contratto l'infezione da Omicron sta fornendo indicazioni interessanti almeno sui sintomi iniziali più diffusi.

Quelli più frequenti, segnalati in uno studio condotto dal King's College di Londra in collaborazione con l'azienda Zoe, sono il naso che cola, starnuti frequenti, mal di gola con tosse, un senso di affaticamento che si trasforma in poche ore in spossatezza. A questi si aggiunge, meno frequentemente, qualche linea di febbre e, ancora più raramente, la perdita dell'olfatto e del gusto.

Anche i Centri per il controllo delle malattie degli Stati Uniti indicano come sintomi più diffusi naso che cola, tosse e senso di stanchezza mentre la perdita dell'olfatto e del gusto è più rara.

Il biologo Livio Marossi oggi ha dichiarato a Rtl 102.5 che tutti i positivi che ha riscontrato negli ultimi giorni, comprese persone vaccinate anche con tre dosi, sono asintomatici o manifestano problematiche nasali caratteristiche dell'influenza. "Bisogna prendere con cautela questa situazione, è una situazione reale - ha detto Marossi - Ieri ho avuto il 12% di positività su 40 tamponi che ho fatto e non c'era uno di questi che avesse sintomi se non questa leggera problematica nasale".

Secondo le ultime stime delle autorità sanitarie italiane la variante Omicron potrebbe aver contagiato almeno il 50% dei nuovi positivi sul territorio nazionale mentre nell'altra metà dei casi si tratta ancora della variante Delta. In Toscana la diffusione di Omicron è più alto, circa 7 casi su 10.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A provocare lo scoppio è stata una fuga di gas dalla bombola del forno. Ferite anche due bambine. Evacuata l'intera zona per le verifiche strutturali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Imprese & Professioni