Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:01 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità lunedì 23 ottobre 2023 ore 17:55

Bambini e ragazzi di periferia, così in Toscana

orsacchiotto

Secondo Save the Children sono 609.855 i bimbi e ragazzi che fanno i conti con disparità di accesso a casa e servizi. I dati dell'indagine



ROMA — Sarebbero 609.855 i bambini e adolescenti toscani fra 0 e 19 anni che fanno i conti con disparità di accesso agli spazi abitativi, scolastici e pubblici adeguati alla crescita e al loro benessere educativo, fisico e socio-emozionale. Disuguaglianze su cui ha fatto il punto Save the Children con una indagine nazionale che in Italia conta quasi 3 milioni e 800 mila bambini e ragazzi che vivono nelle 14 città metropolitane e in maggior parte nei quartieri svantaggiati eprivi di spazi, stimoli e opportunità per crescere. 

L'organizzazione ha acceso un faro sulla situazione delle città metropolitane italiane, compresa dunque Firenze dove il 34,8% degli abitanti ha un reddito inferiore ai 15 mila euro annui. 

“Le periferie urbane oggi sono le vere città dei bambini perché è lì che vive la maggior parte di loro, ma spesso non offrono spazi, stimoli e opportunità adeguati alla crescita, alimentando invece isolamento e marginalità", spiegano da Save the Children. 

Quanto a mense scolastiche Firenze rappresenta un esempio virtuoso: è la città metropolitana con la più alta percentuale di mense nelle scuole primarie (l’86,2%), seguita da Torino (80,7%) e Venezia (65,3%).

Bene anche il dato sull’accesso al tempo pieno nella scuola primaria: a Firenze il 68,8% delle classi offre il tempo pieno, tra le più alte in Italia dopo Milano (87,8%) e Torino (69,4%). Tuttavia per quanto riguarda la scuola secondaria di primo grado la situazione è differente, e Firenze scende al 5,9%, al di sotto della media nazionale (13,3%).

Seppure il divario non sia così evidente, la città metropolitana di Firenze si distingue anche per l’accesso e la mobilità per minori diversamente abili: qui il 45,6% delle scuole ha rampe di accesso (la media delle città metropolitane si ferma al 44,2%), il 65,4% è dotato di ascensore per il trasporto di persone con disabilità (contro il 55,1%), il 72,3% ha servizi igienici a norma (contro il 64,3%), il 74,3 ha scale a norma – quindi con montascale o rampe – (contro il 70,4%) e il 77,3% ha porte a norma (contro il 71,8%).

Una delle possibilità per ridisegnare gli spazi urbani riguarda, ad esempio, il riutilizzo degli spazi confiscati alla criminalità organizzata per scopi socio-educativi. A Firenze sono 16 i beni confiscati alla criminalità organizzata, di questi 2 sono quelli attualmente utilizzati per scopi educativi e/o indirizzati ai servizi per i minori.

Con la nuova campagna, Save the Children lancia anche un programma di intervento specifico, “Qui, un quartiere per crescere”, che coinvolge anche la città di Prato e in particolare l'area del Macrolotto Zero. Predisposto nel 2022, il programma si snoderà su un arco temporale di 9 anni. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno