Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°18° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 24 agosto 2019

Attualità giovedì 10 dicembre 2015 ore 14:13

Novemila studenti per il diritto all'istruzione

SERVIZIO - NOVEMILA STUDENTI PER IL DIRITTO ALL'ISTRUZIONE

L’inno francese seguito da quello italiano ha aperto il Meeting dei diritti umani, promosso dalla Regione in collaborazione con Oxfam Italia



FIRENZE — "Una bambina, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo", ha detto Roberto Vecchioni sul palco del Mandela, citando la sua frase preferita di "Io sono Malala", il libro della ragazzina pakistana che ha sfidato i talebani per difendere il diritto allo studio rischiando di essere uccisa. Il cantautore ha invitato tutti i ragazzi e le ragazze a ricordare di essere nati in una Regione che ha insegnato tante cose a tutti. Oltre a Vecchioni, sul palco anche la Iena Nadia Toffa.

"La conoscenza delle lingue è ancora troppo sottovalutata nel nostro paese" ha detto il vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni che ha anche lanciato un appello alla consapevolezza e allo studio.

"Un Paese che non investe nella scuola sarà più povero domani" ha detto Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia, realtà che da sempre collabora al meeting toscano dei diritti umani e aiuta nel mondo novanta paesi a difendersi dalla povertà estrema, investendo anche sull'educazione.

Al Mandela Forum di Firenze, per parlare di diritto all'istruzione, "sono venuti 9.000 studenti". Lo sottolinea Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale, che aggiunge: "E' una forma d'incontro all'insegna di un valore: la dichiarazione dei diritti umani, quella che nel 1948, il 10 dicembre, a Parigi. Oggi il tema e' l'educazione, l'istruzione, l'articolo 26 della dichiarazione. Del resto- continua Giani, presente al palasport- penna e il lapis sono strumenti di civilta', di cultura, crescita dell'uomo". L'istruzione, prosegue, è la strada "che permette di rapportarsi al mondo. E' sicuramente - conclude - uno strumento di lotta contro la poverta' e l'emarginazione. Uno strumento per capire il mondo e dare all'uomo quel giusto riconoscimento, soprattutto nell'epoca dell'Isis"

"La conoscenza crea indipendenza e nuoce all'intolleranza" ha osservato l'assessore alla cultura e all'istruzione della Toscana Cristina Grieco.

A chiudere la manifestazione le note di 'Sogna ragazzo sogna', cantata dallo stesso Vecchioni.

CRISTINA GRIECO SU 19° MEETING DIRITTI UMANI - video
EUGENIO GIANI SU 19° MEETING DIRITTI UMANI - video


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità